Martedì, 14 Luglio 2020

SPORT NEWS

Incontro in Prefettura con le associazioni per assicurare le attività sportive in città

Posted On Giovedì, 30 Gennaio 2020 16:32 Scritto da
Piscina olimpica di Crotone Piscina olimpica di Crotone

Incontro in Prefettura con le associazioni per assicurare le attività sportive in città

 

 Nella mattinata odierna si è tenuta presso questa Prefettura una riunione, richiesta dal Consorzio “Momenti di Gloria”, presieduta dal Prefetto di Crotone, Dott.ssa Tiziana Tombesi, alla quale hanno preso parte oltre al Commissario Prefettizio del Comune di Crotone, Dott.ssa Tiziana Costantino, il Presidente del suddetto Consorzio sig. Giancarlo Satiro ed alcuni rappresentanti del Comitato “Piscina bene comune”.

Nel corso dell’incontro sono state affrontate le problematiche concernenti gli impianti sportivi cittadini, con particolare riferimento alla gestione dell’impianto sportivo “Palamilone” ed alla chiusura della piscina olimpionica.

Le Associazioni cittadine hanno rappresentato al Commissario Prefettizio del Comune l’esigenza di garantire la continuità delle attività sportive che vedono coinvolti molti giovani della città.

Il Commissario Prefettizio ha fornito ampie rassicurazioni circa l’attualità dell’interesse dell’Amministrazione comunale alla prosecuzione dell’utilizzo degli impianti nel pieno rispetto delle procedure previste dalla legge.

A tal proposito il consorzio “Momenti di Gloria” comunica «che nella giornata del 29 gennaio Sua Eccellenza il Prefetto di Crotone, a seguito della richiesta di incontro inoltrata dal Consorzio in data 22 gennaio, ha riunito intorno a sé il Commissario prefettizio e una delegazione del Consorzio composta, tra gli altri, da un delegato del Comitato spontaneo “Piscina Bene Comune” e dagli avvocati del Consorzio.

Il Consorzio, - prosegue - per il tramite del suo presidente Giancarlo Satiro ha ricostruito la vicenda ed espresso forte preoccupazione per le conseguenze socio-sportive che deriverebbero dalla chiusura degli impianti sportivi crotonesi.

Ha quindi ribadito la necessità che il Comune, nelle more dell’avvio e della definizione del’iter amministrativo per l’affidamento delle strutture pubbliche, garantisca la continuità del servizio di accesso allo sport e fruibilità dell’impiantistica sportiva crotonese.

Il delegato del comitato “Piscina Bene Comune”, avv. Vincenzo Medici,  - dal canto suo - ha chiesto al Commissario Prefettizio quali azioni intende mettere in campo per riaprire la piscina e in che tempi.

Il Commissario Prefettizio ha dichiarato che in questo momento la priorità per il Comune è quella di rientrare in possesso di tutti gli impianti sportivi pubblici lasciando implicitamente intendere che l’interruzione della pratica sportiva per un indefinito periodo di tempo potrebbe inevitabile come del resto già avvenuto per la piscina olimpionica.

La delegazione del Consorzio ha lasciato la Prefettura con molta amarezza per la totale chiusura manifestata dai locali rappresentanti del Governo i quali anziché dialogare in modo costruttivo con i cittadini si sono arroccati sulle proprie posizioni di principio rimandando ogni determinazione all’esito del giudizio pendente presso il TAR di Catanzaro dove il Comune di Crotone si costituirà per rivendicare la bontà di quanto sostenuto nel provvedimento di sfratto notificato al Consorzio in data 17 gennaio 2020».