Martedì, 29 Settembre 2020

SPORT NEWS

Serie BKT 36esima giornata│ In città già stridono i clacson ed è febbre da serie A. Si attende l'esito di Cremonese-Spezia, ma ormai la promozione diretta è questione di ore, giorni al massimo.

Pubblicato in Sport

Il commissario straordinario del Comune di Crotone, Tiziana Costantino, ha emanato quest'oggi un'ordinanza restrittiva sul consumo di alcolici, a partire dalle 20.30 e fino alle ore 6 di domani, per gli eventi festeggiamenti della promozione in serie A del Crotone. 

Pubblicato in In primo piano

La scaramanzia non manca, ma a Crotone sono tutti pronti a far scoppiare la festa già a partire da questa sera in caso di una combinazione di risultati favorevoli. Oltre alla vittoria esterna del Crotone a Livorno, infatti, basterebbe un pareggio (o ugualmente una sconfitta) dello Spezia a Cremona perché i rossoblù possano festeggiare la seconda promozione del club pitagorico in Serie A.

Pubblicato in Sport

pci livornoDue cortei a Livorno per celebrare il 96esimo anniversario della la nascita del Partito comunista d'Italia, fondato nella città toscana il 21 gennaio del 1921 dalla scissione del congresso socialista che si tenne al teatro Goldoni. Il primo corteo, organizzato dal nuovo Pci si è ritrovato al teatro San Marco, luogo simbolo in cui il vecchio partito nacque. Circa trecento i partecipanti arrivati da tutta Italia. L'altro corteo, organizzato dal Centro politico 1921 di Livorno e al quale ha aderito anche Rifondazione comunista, è partito dal Teatro Goldoni, facendo il percorso inverso, fino ad arrivare al teatro San Marco. In mattinata al cimitero comunale sia Pci che Rifondazione hanno reso omaggio con la deposizione di fiori sulle tombe ai compagni di partito scomparsi.«Il 21 gennaio 1921 - è scritto in un comunicato del Pci di Crotone - nasceva a Livorno il Partito comunista d'Italia, poi Partito comunista italiano. Nasceva nel Teatro San Marco, dove Gramsci, Bordiga e altri compagni riunirono la componente comunista del Partito socialista italiano, quella componente che si riconosceva nel Comintern, nei 10 punti del Programma di Milano, nella necessità di costituire un vero partito di classe. Novantasei anni dopo, nonostante - commenta il comunicato - l'ironia e il comodo disfattismo di chi da lungo tempo dà per morta la prospettiva comunista, quelle istanze da cui nacque il partito di Gramsci sono ancora vive e sentite. Il Partito comunista italiano, rinato a Bologna lo scorso giugno, ha celebrato a Livorno l'indimenticabile anniversario».

pci livorno collage«Un corteo di compagni - riferisce la nota - provenienti da tutto il territorio nazionale ha percorso le vie cittadine, dal Teatro San Marco a piazza Attias, sul cui palco hanno parlato, tra gli altri, il segretario nazionale Mauro Alboresi e Pierpaolo Capovilla, voce del gruppo alternative rock Il Teatro degli Orrori, con il suo "comizio poetico". Attraverso questa manifestazione, che ha visto la partecipazione numerosa non solo dei compagni "nostalgici" ma di numerosi membri della Federazione giovanile comunista italiana, il Pci ha dato un forte segnale della sua vitalità e della sua presenza su tutto il territorio nazionale. E ha dimostrato che è ancora sentita, oggi, la necessità di un grande partito comunista che riaffermi i diritti dei lavoratori. All'importante manifestazione era presente una delegazione crotonese, composta dal segretario federale Saverio Valenti, dal segretario cittadino Francesco Scuteri, dal segretario federale Fgci Alessandro Sagliano, dal tesoriere federale Alfonso Valenti e da Alessia Franco».

pci livorno scuteri franco sagliano

 

 

 

 

Salva

Salva

Pubblicato in Politica

luci martellaHanno scatenato un vero e proprio verminaio di polemiche (e non solo sui social) le dichiarazioni rilasciate ieri sera "a caldo", nel dopo Livorno-Crotone, dal tecnico dei toscani Christian Panucci che, davanti alle telecamere di Sky, ha dato vita a un vero e proprio show con tanto di balletto. Facendo riferimento al brutto intervento sul difensore avversario Bruno Martella che ha portato all'espulsione al 21' di capitan Andrea Luci , il tecnico (che è stato allontanato subito dopo) è esploso contro gli arbitri. «Ora basta! Ogni fine settimana in Serie B ci sono 42 espulsioni. Dobbiamo giocare a ballare? Che cavolo». Panucci ha poi rincarato: «Non c'è cattiveria nell'intervento di Luci, in una zona del campo lontana da tutto... Poi vai a parlare con il quarto uomo e ti dicono: "Stia zitto che la caccio!". Io non ho mancato di rispetto a nessuno - ha detto ancora Panucci - e mi è stato risposto così. Ma come fai a parlare con persone del genere? Una volta tocca a Cosmi, una volta a Pinco Pallino... Insomma, non si può lavorare così! Gli arbitri sembrano attori di Hollywood, sono troppo permalosi».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

budimir livornoFinisce a reti inviolate la 29esima giornata del campionato di Serie B tra Livorno e Crotone. Per i rossoblù di Juric è il dodicesimo risultato utile consecutivo in trasferta. Il Crotone riduce la distanza a un solo punto dalla capolista Cagliari, mentre allunga a +11 dal Pescara terzo sconfitto in casa dal Trapani. Settimo pareggio casalingo del Livorno che ha giocato con l'uomo in meno dal ventesimo minuto.

 

Tabellino.
Crotone      0

Livorono    0

 

LIVORNO (4-3-3): Pinsoglio 6.5; Antonini 6.5, Ceccherini 7, Vergara 6, Gasbarro 5.5; Luci 5, Schiavone 6, Biagianti 6 (19' st Moscati); Jelenic 6, Vajushi 5 (9'st Cazzola 6); Baez 6 (41' st Comi sv). In panchina: Ricci, Lambrughi, Emerson, Palazzi, Bunino, Vantaggiato. Allenatore: Panucci 6

 

CROTONE (3-4-3): Cordaz 6; Balasa 6 (27' st Zampano 6), Dos Santos 6, Ferrari 6.5, Ricci 6, Salzano 6, Barberis 6.5 (42'st Paro sv), Martella 7, Di Roberto 6, Budimir 5.5, Stoian 5.5 (32'st Torromino sv). In panchina: Festa, Cremonesi, Capezzi, Sabbione, De Giorgio, Garcia. Allenatore: Juric 6


ARBITRO: Saia di Palermo 5
NOTE: temperatura mite, campo leggermente allentato, spettatori 5577 (di cui 4363 abbonati) per un incasso globale di 30.055,16 euro.

Espulso al 20' pt Luci per gioco violento nei confronti di un avversario e subito dopo il tecnico Panucci per proteste.
Ammoniti Ricci, Ferrari, Gasbarro. Angoli 4-1 per il Crotone.
Recupero: 1'; 4'.

 

Il commento.

panucci arbitroLivorno e mister Panucci nervosi fin dai primi minuti dell'incontro e a pagare dazio è la squadra toscana che in avvio subìsce l'espulsione di Luci e l'allontanamento dal campo dello stesso tecnico. Chi da calciatore è stato un campione (Panucci lo è stato) deve stare alquanto tranquillo sulla panchina e tranquillizzare i suoi giocatori quando perdono la calma. Per quanto riguarda l'incontro del Picchi, la missione del Crotone era mantenere l'imbattibilità esterna, iniziata dopo la sconfitta (4-1) di Pescara all'undicesima giornata. Obbiettivo centrato contro un avversario che aveva assoluta necessità di conquistare i punti salvezza. A rendere ancora più felice la notte del Picchi il risultato di Cagliari-Novara, incontro giocato lunedì 29 febbraio, terminato con la sconfitta dei sardi (prima stagionale tra le mura amiche). Tradotti in cifre i due risultati per il Crotone significano aver ridotto a un solo punto la distanza dal primo posto. Il poco tempo intercorso dall'ultima giornata ha costretto i due tecnici a effettuare il turnover nei vari reparti. Mister Juric ha potuto contare sulla disponibilità di Stoian per fine squalifica inserito sulla fascia sinistra al posto di Palladino che bene aveva fatto all'Ezio Scida contro il Vicenza. Dentro anche Balasa esterno destro al posto di Tena, Barberis in sostituzione di Capezzi, Salzano ha rilevato Paro. Mister Panucci ha rinunciato al bomber Vantaggiato per motivi fisici e al centrocampista Cazzola, al loro posto Luci e Jelenic. Primo tempo senza particolare emozioni da gol. Cordaz e Pinsoglio pochi impegnati.

 

martella luci scontroL'unica vera emozione al minuto venti quando è stato espulso direttamente Luci e, a seguire, è stato allontanato mister Panucci per proteste. Bene nel Crotone la retroguardia con Claiton, vero regista della zona. Di Roberto esterno destro e Martella gran lavoratori sulle fasce. In attacco Budimir poco servito in area avversaria, ma sempre pericoloso quando entra in possesso di palla. Potevano dare di più Stoian e Ricci. Livorno bene finché è rimasto in undici, dopo l'espulsione di Luci ha iniziato a risentire dell'uomo in meno con il passare dei minuti. L'assenza di un bomber come Vantaggiato si è fatta sentire. Bene il reparto difensivo ma è stato poco impegnato per la scarsa incisività degli attaccanti ospiti. La ripresa evidenzia fin dai primi minuti un Crotone che intende pressare gli avversari nella loro metà campo per impostare le ripartenze.

 

juric livorno ritornoIl primo pericolo per Pinsoglio arriva al quarantasettesimo minuto su tiro di Stoian. Mister Panucci nota la difficoltà del suo centrocampo dovuto all'uomo in meno e richiama lo spento Vajushi per fare posto a Cazzola. È però il Crotone a stare sempre nei pressi dell'area avversaria ad impensierire il portiere Pinsoglio con Martella al minuto cinquantasettesimo e con Ricci quattro minuti dopo. Ancora un cambio a centrocampo per il Livorno, dentro Moscati, fuori Biagianti. Mister Juric si accorge del calo di Balasa e lo sostituisce con Zampano sulla fascia destra. L'uomo in più non sembra avvantaggiare i rossoblù ed il tecnico cerca di potenziare il reparto offensivo con Torromino, in grado di concludere dalla distanza, in sostituzione di Stoian. Mister Panucci per allentare l'offensiva avversaria manda in campo l'attaccante Comi e richiama Baez. Dal versante opposto il centrocampista Paro rileva il collega di centrocampo Barberis. È in ogni caso un finale di partita senza particolare giocate pericolose che accontenta i due tecnici.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 2