fbpx
Sabato, 02 Luglio 2022

SPORT NEWS

Non inganni il punteggio, perché una rimaneggiatissima Puliverde Crotone ha reso la vita difficile ad una comunque più forte Pallamano Noci che ha meritato la vittoria ed il passaggio del turno. Il Crotone si è dovuto inchinare alla strapotenza dei pugliesi, ma, ad onor del vero, c'è anche che la Puliverde è arrivata alla partita più importante della stagione praticamente a pezzi: diversi titolari erano infatti assenti, tra cui anche il forte terzino Perri. È toccato dunque a Pedullà farsi carico della squadra, registrando l'ennesima ottima prestazione, prima di lasciare spazio ai giovanissimi. Per la Puliverde Crotone si chiude così una stagione comunque molto positiva. La squadra ha centrato tutti gli obiettivi prefissati ad inizio stagione: dare spazio agli atleti delle formazioni giovanili e prepararli per un imminente impiego in pianta stabile in prima squadra, mettere in difficoltà le formazioni più blasonate e conquistare un posto per i playoff. La squadra ha fatto parlare di sé in positivo ed ha attirato le attenzioni degli addetti ai lavori, chiudendo il proprio campionato sconfitta da quella che probabilmente sarà la formazione vincitrice dei Playoff.

 

Tabellino.

Pallamano Noci          36

Puliverde Crotone:     18

(risultato pt: 17 ? 10)

 

PALLAMANO NOCI: D?Aprile 1, De Finis 1, De Giorgio F. 2, De Giorgio I. 1, Giannini, Laera A. 6, Laera V. 12, Malena 5, Fasano 1, Parisi, Potone, Guagnano 3, Ritella 2, Spinozza 2. All.: Iaia.

PULIVERDE CROTONE: Cortese, Fiorenza 1, Mariano 1, Vrenna, Pedullà 12, Malerba 1, Palermo 3, Calabrese, De Masi, Maida, Lucente, Villaverde, Galluccio, Lo Guarro. All.: Cusato e Liviera.

 

ARBITRI: Lo Russo e Strippoli

Pubblicato in Sport

Non è bastata una buona Puliverde Crotone per arginare la strapotenza di una Pallamano Noci formato promozione. Gli ospiti ipotecano il passaggio del turno espugnando il Palakro con una vittoria di misura, ma molto utile in chiave ritorno. Al Crotone sabato 25 aprile servirà un'impresa, la squadra infatti dovrebbe vincere sul campo avversario con almeno tre gol di vantaggio tutti gli altri risultati tagliano fuori la compagine crotonese dalla corsa per la promozione in serie A2. La Puliverde ha affrontato probabilmente la squadra più forte dell'intero campionato ed ha avuto un po' di soggezione specie in avvio di partita. Non ha giocato al massimo della sue potenzialità ed il Noci da squadra esperta e tecnicamente molto valida ne ha saputo approfittare al momento giusto. Qualche pecca è emersa nell'impianto di gioco del Crotone. La difesa non è stata eccezionale, in troppe occasioni gli ospiti sono arrivati a tu per tu con il portiere di casa Luigi Cortese. Se il passivo è stato contenuto è principalmente grazie a lui che ha parato anche l'impossibile dicendo no in numerosissime occasioni. Si è preso anche il lusso di parare due rigori. Un grande portiere sicuramente sprecato per la serie B. In attacco invece le note più dolenti. A differenza della formazione ospite il Crotone non è riuscito a sfruttare le fasi di superiorità numerica al contrario del Noci che in queste fasi ha invece costruito la vittoria. Inoltre in troppe occasioni si è cercato l'uno contro uno a discapito del gioco di squadra. Un po' presuntuoso vista la difesa schierata dal Noci. Per il ritorno servirà una partita perfetta e probabilmente potrebbe non bastare, ma bisogna provarci, è un obbligo.
Intanto l'impresa l'ha compiuta la formazione under 16 la scorsa settimana laureandosi per l'ennesima volta campione regionale. Troppo forte la formazione del tecnico Massimo Cusato che ha stradominato il campionato, sfiorando ruolino perfetto. Il Crotone infatti ha vinto tutte le partite e ne ha persa solo una, un incidente di percorso che non ha scalfito una stagione perfetta. Inoltre il tecnico può ritenersi molto soddisfatto visto che moltissimi degli elementi della formazione under 16 hanno fatto l'esordio in prima squadra, ma ha avuto anche la lungimiranza di far esordire elementi della formazione under 12 in quella under 16. Insomma cosa chiedere di più?

 

Tabellino.

Puliverde Crotone       22

Pallamano Noci           24

(risultato pt: 9 - 11)

 

PULIVERDE CROTONE: Cortese, Liotti 1, Perri 12, Lonetto 1, Gentile, Pedullà 2, Mariano 5, Palermo, Vrenna, Fiorenza, Malerba 1, Lo Guarro, Calabrò, Gigliarano. All.: Cusato.

PALLAMANO NOCI: Potone, Guagnano 1, Malena 2, Degiorgio F. 6, Laera A. 4, Laera V. 7, Parisi 2, Spinozza 1, D’Aprile , Degiorgio I. , Ritella , De Finis 1, Faglianelli , Parliteni . All.: Iaia.

 

ARBITRI: Pane di Lamezia Terme e Caglioti di Catanzaro.

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

pallamano andra calabroPiù che una partita è stata una festa della pallamano. La Puliverde Crotone conferma il pronostico della vigilia e batte agevolmente una volenterosa Handball club Noci (seconda squadra della cittadina pugliese). Non conta il risultato finale di una vittoria comunque scontata. Troppa la differenza tecnica fra le due squadre. Il Crotone nonostante abbia schierato molti giovani è apparso fin da subito squadra più esperta e più organizzata. Il Noci invece ha evidenziato le sue caratteristiche anche al Palakro, squadra volenterosa, ma in fase di costruzione con elementi di prospettiva che possono diventare buoni giocatori. Partita praticamente mai in discussione con la Puliverde che l'ha presa in mano fin dai primi secondi ed ha preso il largo immediatamente controllando poi agevolmente. È stata l'occasione giusta per dare molto spazio ai tantissimi giovani che fanno ormai parte in pianta stabile della prima squadra, ma che trovano pochissimi minuti in partita. Ed allora spezio ed esperienza ai giovanissimi a ragazzi che di solito guardano la partita dagli spalti. Ecco quindi che Andrea Calabrò è sceso in campo per la prima volta in serie B e si è fatto apprezzare per alcuni interventi ed esordio con gol per Silvio Nigro per lui soddisfazione doppia: esordio assoluto nel giorno del suo diciottesimo, poi tante soddisfazioni per tutti. Alla fine sono stati baci e abbracci fra i giocatori in campo che si sono comunque rispettati. La Puliverde ha giocato la sua partita senza umiliare gli avversari. L'Handball club Noci ci ha provato, ma non era certo questa la partita per fare punti. Doveva mettere in vetrina i gioielli migliori e lo ha fatto perché alcuni elementi si sono fatti apprezzare per una buona tecnica. L'entusiasmo della vittoria però è stato smorzato qualche ora dopo perché la morte di Nicola Giaquinta, papà del direttore sportivo Giancarlo Giaquinta e di suo fratello Claudio colonna della pallamano Crotone, ha portato un velo di tristezza. La società si stringe intorno ai due in questo momento difficile e ricorda con affetto Nicola Giaquinta perché è sempre stato vicino alla squadra.

 

Tabellino.

Puliverde Crotone          34

Handball club Noci:       15

(risultato pt: 195)

 

PULIVERDE CROTONE: Lo Guarro, Mariano 3, Vrenna 6, Calabrese 1, Lonetto 5, Pedullà 3, Malerba, Gentile 1, Perri 2, Palermo 6, Villaverde 2, Cusato G. 2, Nigro 3, Calabrò. All.: Cusato A.

HANDBALL CLUB NOCI: Procopio 3, Quarato, Lippolis G. 3, Miccoli 1, Paltrone 7, Lippolis P., Roberto, Grassi 1. All.: Coli.

 

ARBITRI: Pane di Lamezia Terme e Caglioti di Catanzaro

 

 

 

Pubblicato in Sport

Si interrompe a sei la striscia di risultati utili consecutivi della Puliverde Crotone che capitola sul campo della fortissima Pallamano Noci. Sconfitta pronosticabile alla vigilia ma che è arrivata con un divario troppo ampio. È amareggiato il tecnico della Pallamano Crotone Antonio Cusato perché non ha visto in campo quanto preparato scrupolosamente in settimana al Palakrò. Se in attacco la squadra si è comportata discretamente così non è stato in difesa. I rossoblù non sono riusciti a contenere gli attacchi dei bravi giocatori nocesi, specie nel secondo tempo. Nella prima frazione di gioco, più con il carattere che con la tecnica ed il gioco di squadra il Crotone ha tutto sommato contenuto gli avversari che non sono riusciti ad andare all?intervallo con un margine rassicurante. Nella ripresa però la Puliverde, probabilmente in debito d?ossigeno anche per via dei pochi cambi, non è riuscita mantenere il passo ed i padroni di casa hanno preso il largo aggiudicandosi meritatamente la vittoria. Che il Crotone fosse in una fase involutiva lo si è capito alla ripresa del campionato quando ha faticato contro il fanalino di coda Ginosa e riuscito a piegare la resistenza della Pallamano Fasano solo nei minuti finali. La Pallamano Noci è ben altro avversario, serviva una prestazione diversa, che a tratti è anche arrivata, ma non è bastata. C?era bisogno di dare più del massimo e sul campo pugliese la Puliverde Crotone non è riuscita a farlo. Sono diversi gli elementi che ancora non hanno ripreso la condizione fisica ottimale ed in settimana si lavorerà sodo per migliorare questo aspetto. Prima della sosta natalizia la Pallamano Crotone aveva trovato equilibrio in campo e condizione atletica. Si temeva la sosta ed i timori si sono rivelati fondati. Certamente non è tutto da buttare, ma da questa sfida le ambizioni dei rossoblù escono ridimensionate. Non c?era bisogno di questa partita per sapere che serve sempre il massimo per vincere, ma se la squadra vuole continuare la scalata alla classifica deve cambiare atteggiamento e soprattutto ritrovare condizione e spirito del finale del girone di andata, altrimenti meglio rassegnarsi ad un campionato da comprimari.

 

Tabellino.

Pallamano Noci - Puliverde Crotone: 35 - 27 (risultato pt: 21 - 18)

PALLAMANO NOCI: Bruno 1, De Finis 2, D?Aprile 10, Degiorgio, Giannini, Guagnano 2, Laera 1, Malena 9, Parisi 5, Potone, Piepoli 1, Parchitelli, Ritella 1, Spinozza 3. All.: Iaia.

PULIVERDE CROTONE: Cortese, Fiorenza 3, Perri 12, Lonetto 2, Gentile 1, Pedullà 6, Mariano 3, Calabrò, Malerba, Lo Guarro. All.: Cusato.

ARBITRI: Tesse e Fasano

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

pallaman antonio cusatoTentare il colpaccio si può. Una Puliverde reduce da cinque vittorie consecutive medita seriamente di fare lo sgambetto alla squadra indubbiamente più forte del torneo. Domani (sabato 24 gennaio) i ragazzi del presidente Claudio Liotti giocheranno sul campo della Pallamano Noci squadra, accreditata della vittoria finale del campionato, ma che fino ad ora ha avuto più di un passaggio a vuoto. I pugliesi non hanno giocato sempre una grande pallamano. Probabilmente la poca concentrazione e la consapevolezza di una supremazia tecnica hanno giocato un brutto scherzo ad una squadra che non ha staccato le dirette avversarie. Inoltre contro il Crotone mancheranno due pilastri fondamentali come il portiere Potone ed il centrale Degiorgio due assenze pesanti. La Pallamano Noci però può contare su un parco giocatori di tutto rispetto con delle "riserve" sarebbero titolari in tutte le altre squadre del girone. In casa Crotone però si vuole sfruttare ogni minimo vantaggio per tentare di vincere questa partita ed agganciare proprio la Pallamano Noci in classifica. Se dagli altri campi dovessero arrivare risultati a favore della Puliverde sabato sera si potrebbe trovare in testa alla graduatoria proprio in coabitazione con la forte squadra pugliese. Per uscire indenne dal palazzetto di Noci la Pallamano Crotone dovrà giocare una partita perfetta ma potrebbe anche non bastare. Dopo la sosta natalizia la squadra ha perso un po' di smalto e non appare tonica come era alla fine dell'anno solare. Nelle prime due partite ha faticato più del dovuto per avere la meglio su Ginosa e Fasano. Se contro la prima squadra ha sofferto e non poco, ha fatto vedere invece dei margini di miglioramento nella seconda, margini che devono essere confermati ed anzi aumentati contro una Pallamano Noci intenzionata a non mollare la testa della classifica. Sabato sera si conoscerà la vera forza della Puliverde Crotone, si saprà se la squadra è maturata abbastanza per competere per il primo posto oppure deve ancora continuare il suo processo di crescita e lottare per arrivare fra le prime quattro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

Giuseppe Mariano2Due assenze pesanti tra i pitagorici: mancheranno il capitano Luigi Lonetto (dito della mano infortunato) e Roberto Perri alle prese con una fastidiosa infiammazione al tendine d'achille.

Pubblicato in Sport