fbpx
Giovedì, 18 Agosto 2022

SPORT NEWS

stroppa perplessoAl termine del poker rifilato al Foggia, mister Stroppa ha concesso alla squadra due giorni di meritato riposo. Il gruppo, privo di ben 7 Nazionali, si ritroverà mercoledì pomeriggio (ore 16:30 pronti) al centro sportivo “Antico Borgo” per la ripresa degli allenamenti. Giovedì e venerdì doppie sedute (ore 9:30 e ore 16) sempre al centro sportivo; sabato invece è in programma una sgambata in famiglia allo Scida contro la Primavera (ore 10:30) e domenica un allenamento al centro sportivo (ore 9).

 

Serie BKT seconda giornata│Il Crotone batte nettamente il Foggia, 4-1, con una prova esaltante soprattutto nel secondo tempo. Quattro spettacolari reti. Inizia Faraoni con un piatto al volo nel primo tempo. Nella ripresa il Crotone si scatena. Il 2-0 è segnato da Firenze con un tiro a giro; fantastico gol di Nalini per il 3-0 con un pallonetto da oltre 30 metri che sorprende Bizzarri; il quarto gol di Rohden il cui cross in area beffa Bizzarri. Nel primo dei nove minuti di recupero Mazzeo segna il gol della bandiera del Foggia su rigore.

 

Tabellino.

Crotone 4

Foggia 1

Marcatori: Faraoni 31°, Firenze 49°, Nalini 54°, Rohden 64°, Mazzeo ( r) 90°

Crotone (3-5-2): Cordaz, Cuomo, Sampirisi, Marchizza, Faraoni, Rohden, Benali, Firenze, Martella (Molina), Budimir (Simy), Nalini (Stoian). All. Stroppa

Foggia (4-4-2): Bizzarri, Martinelli, Camporese, Tonucci (Ranieri), Loiacono (Gori), Carraro, Agnelli, Kragl, Cicerelli (Gerbo), Chiaretti, Mazzeo. All. Russo, Grassadonia squalificato

Arbitro: Daniele Minelli di Varese

Coll. Raspolini - Di Gioia

Quarto giudice: Santoro

Ammoniti: Tonucci, Benali,

Angoli: 7 a 4 per il Crotone

Recupero: 2 e 9 minuti

Spett. tot. 5.711 € 45.560; biglietti 1.938 € 18.100; abbonati 3700, rateo € 27.460

 

La partita.

Mister Stroppa approfitta del post gara per rispondere a quanti da Foggia gli avevano buttato fango addosso per essere passato ad un'altra squadra e butta acqua sul fuoco dell'entusiasmo dopo la goleada della sua squadra. "Non sono scappato da Foggia, la squadra pugliese e tutta la tifoseria mi sono rimasti nel cuore per ciò che è stato fatto in due anni. Ho interrotto il rapporto con la società perché non esisteva un progetto con le dovute garanzie per il futuro". Per quanto riguarda l'incontro il tecnico pitagorico ha dichiarato: "non abbiamo cancellato tutti gli errori che ci portiamo ancora dietro, regalati agli avversari molte occasioni, ma è anche vero che i miei hanno realizzato ottimi gol per esecuzione e preparazione delle giocate. Il Foggia è tra le squadre più forte del girone. E contro questi avversari non era facile per noi giocare a Crotone dopo la pesante sconfitta di Cittadella. L'ottimo pubblico crotonese ci ha aiutato a superare questa difficoltà. Abbiamo una squadra forte se tutti metteranno in essere le qualità tecniche di cui dispongono". Crotone a secco di vittorie dopo due giornate non era nelle cose possibili stando a quanto avevano dichiarato alla vigilia dell'incontro il tecnico Stroppa ed alcuni pitagorici. Contro il Foggia la voglia di conquistare il primo successo stagionale al cospetto dei propri tifosi non è rimasta negli spogliatoi ma si evidenziava fin dai primi minuti di gioco. Assenti lo squalificato Golemic, gli indisponibili Vaisanen e Barberis, in campo inizialmente sette undicesimi della precedente giornata. Le novità hanno riguardato in primis il debutto stagionale dell'attaccante Budimir (la lunga assenza dalle partite ufficiali si è notata) in sostituzione di Simy dirottato in panchina, Cuomo difensore esterno al posto di Golemic, Martella per Molina. Mister Grassedonia ha optato per la conferma dei nove undicesimi vittoriosi sul Carpi. Le due sostituzioni hanno interessato Agnelli in sostituzione di Busellato e Mazzeo al posto di Gori. Foggia aggressivo in difesa al limite della sportività. Crotone timoroso a centro campo e poco incisivo in attacco i primi trenta minuti. Firenze al quinto minuto su punizione dal limite obbliga Bizzarri ad una difficile respinta in angolo. Leggerezza di Cordaz nel respingere il pallone, in alcune occasioni, crea qualche problema difensivo. Il vero Crotone si ammira al minuto trentuno quando Martella dalla sinistra crossa un ottimo pallone per Faraoni che in diagonale lo mette dentro. Vantaggio meritato dei pitagorici ma con qualche lacuna a centrocampo dove sono stati commessi errori di disimpegno e nelle giocate. Bene hanno fatto nella prima parte Benali, Martella, Faraoni, Nalini, Rohden. Ripresa, anche il Crotone sa come mettere dentro il pallone nei primi minuti e lo fa con Firenze al quarantanove. Dalla destra un perfetto assist di Budimir consente al suo compagno dalla distanza di mettere dentro il pallone con un perfetto diagonale. Il doppio svantaggio costringe il tecnico del Foggia a togliere un difensore, Loiacono, per fare posto ad un attaccante, Gori, ma peggiora l'assetto difensivo senza migliorare la fase offensiva per la buona prova del reparto arretrato del Crotone. Il terzo gol porta la firma di Nalini che visto il portiere lontano dalla porta lo trafigge con un perfetto pallonetto. È un Crotone che ricorda quello del recente passato da serie A. Infatti Rohden, tra i migliori in campo, realizza la quaterna. Il meno cinque in classifica del Foggia rimane tale dopo la partita di Crotone e per mister Grassedonia sarà un bel lavorare per riuscie a portare in quota positiva la sua squadra. Sarà stato merito del Crotone, ma il Foggia visto allo Scida e stato sotto la sufficienza. Pur con ottimi giocatori. Miglior debutto del Crotone al cospetto dei propri tifosi non poteva esserci. Al minuto novanta, per fallo in area di Faraone concesso il rigore al Foggia. Dal dischetto batte Mazzeo ed è il gol della bandiera per i pugliesi.

B come sabato│Prenderà il via il 15 settembre su RAI2 e RADIO2 alle 13:30, B COME SABATO, il nuovo programma condotto da Andrea Delogu e Gabriele Corsi con Marco Mazzocchi e la partecipazione di Gigi & Ross. In diretta dalla sede RAI di Napoli, ogni sabato, l’inedita coppia di conduttori ci accompagnerà in un pomeriggio leggero e divertente, con il pretesto di raccontare i luoghi e gli incontri del campionato di calcio della Serie BKT, ma anche l’anticipo di Serie A delle 15.00, alcuni incontri delle altre Serie e tante altre discipline sportive, dalle più popolari alle più inesplorate. Le partite saranno l’occasione per scoprire la provincia italiana attraverso gli inviati che, oltre a seguire l’evento sportivo in diretta dalla tribuna, racconteranno in prima persona la loro esperienza nella città che li ospita: la gente, le tradizioni e le caratteristiche di ogni urbe, paese e provincia che stanno visitando. Si cercherà di entrare nell’Italia più periferica e profonda, andando a scoprire nuovi personaggi, talenti inespressi e promesse non mantenute negli angoli meno battuti del paese. In studio, a seguire i match giocati tra le 13:30 e le 17.00, ci saranno ospiti del mondo dell’intrattenimento, della musica e del giornalismo, supportati dal prezioso commento tecnico di Marco Mazzocchi. Durante la presentazione dell’evento, dopo i saluti del direttore di Rai2, Andrea Fabiano, è intervenuto il presidente della Lega B, Mauro Balata: “Ci tengo molto a ringraziare la Rai. È con grande entusiasmo che in Lega abbiamo accolto la loro proposta anche perché noi vogliamo portare il calcio dei territori alla massima diffusione e nessuno meglio della tv di Stato può agevolarci in questo compito. Nel nostro campionato ci sono valori fondamentali che sono quelli dell’italianità e della valorizzazione dei giovani e non lo dico per fare l’eco a quanto ha detto il Commissario Tecnico della Nazionale, Roberto Mancini, ma sono effettivamente obiettivi che da tempo ci diamo nel nostro torneo. I dati ci confortano, in queste due giornate il 79,53% dei calciatori in rosa nei club di B è rappresentato da italiani, il 30,32% da under 21 e il 44,46% da under 23. Questa è la nostra mission e quello che serve per far ripartire il calcio, mettendo in campo i talenti del nostro sport. Ecco perché ci sentiamo in linea con il desiderio del selezionatore azzurro. Noi vogliamo essere promotori di quelle riforme che da tempo il calcio non vede e chiede. Siamo disposti a parlarne con chi ci vuole stare, ma è scaduto il periodo di perdere tempo”.

 

La classifica│Cittadella 6 punti, Padova, Perugia e Pescara 4; Crotone, Spezia e Venezia 3; Cremonese, Salernitana, Lecce e Palermo 2; Benevento , Ascoli, Cosenza, Verona, e Brescia 1; Livorno e Carpi 0; Foggia -5.

 

Prossimo turno│Venerdì 14 settembre ore 21 Venezia-Benevento; sabato 15 ore 15 Cittadella-Cosenza, Ascoli-Lecce, Brescia-Pescara, ore 18 Cremonese-Spezia; domenica 16 ore 15 Verona-Carpi e Salernitana-Padova, ore 21 Foggia-Palermo; lunedì 17 ore 21 Livorno-Crotone. Queste le previsioni del sito specializzato NetBet.

 

 

Pubblicato in Sport

allenamento crotone foggiaDoppio appuntamento al centro sportivo oggi per gli squali in vista dell’esordio casalingo in campionato contro il Foggia di domenica (ore 21, Stadio Ezio Scida). La squadra ha sostenuto una doppia sessione: al mattino i giocatori sono stati divisi in due gruppi che si sono alternati tra lavoro di forza e tattica; nel pomeriggio sono tornati in campo, dopo aver effettuato gli scatti ufficiali della nuova stagione, per una seduta basata su lavoro tecnico, partitine a pressione due contro due e tre contro tre, e una partitella finale a metà campo della durata di 20 minuti. Per domani è in programma un allenamento pomeridiano al centro sportivo, sempre a porte aperte, con inizio dei lavori alle ore 15.  La Lega B ha intanto comunicato ufficialmente date e orari degli anticipi ed i posticipi delle gare della Serie BKT del 4°-5°-6°-7° e 8° turno. Questi gli anticipi del Crotone:
6^ GIORNATA DI ANDATA
Venerdì 28 settembre 2018 ore 21 CROTONE-BRESCIA
7^ GIORNATA DI ANDATA
Domenica 7 ottobre 2018 ore 21 PALERMO-CROTONE
8^ GIORNATA DI ANDATA
Sabato 20 ottobre 2018 ore 18 CROTONE-PADOVA

Pubblicato in Sport

pallanuoto metal carpenteria maniLa Metal Carpenteria Rari Nantes Crotone è partita oggi per Catania. In vista della gara 2 di finale promozione che si terrà domani mercoledì 27 giugno a partire dalle ore 16.30 nella piscina Francesco Scuderi di Catania. Dopo una due giorni di allenamento fatto di smaltimento delle fatiche di gara 1 e ricarica in vista della gara che potrebbe sancire la promozione in serie A, i ragazzi di mister Arcuri si apprestano ad affrontare la partita più importante della loro fin qui fantastica stagione. La posta in palio è altissima. La partita sarà complicatissima. Le dichiarazioni che provengono da parte dell’Etna Catania sono piene di orgoglio, passione, incoraggiamento. Tutte volte alla ricerca della vittoria che rimanderebbe il verdetto finale a Gara 3. L’impianto, molto piccolo, sarà completamente invaso dai supporter catanesi ma anche da oltre 50 persone già partite o in partenza da Crotone per sostenere i nostri ragazzi. “Nessuno ci regalerà nulla - annuncia il Centroboa Francesco Graziano -! Siamo consapevoli che ci aspetterà un ambiente molto caldo. Una piscina piena di gente. Loro sanno che per batterci dovranno essere perfetti. Come lo siamo stati noi sabato. E sono certo che ci presenteranno novità tattiche. Ma la differenza in queste partita la farà la capacità di restare lucidi nei momenti importanti”. La partita sarà trasmessa live sulla pagina Facebook della società.

 

 

Pubblicato in Sport

rari nantes esultanza spogliatoiMETAL CARPENTERIA RARI NANTES CROTONE   10
ETNA WATER POLO CATANIA                                             2

Crotone: Conti M, Namar G (2), Amatruda A (2), Arcuri V, Bezic R (4), Ciligot B, Candigliota G, Morrone P, Spadafora R (1), Manna G, Latanza F (1), Cavallaro M. Allenatore: Arcuri Francesco.

Catania: Presenti P, Scamporrino C, Ferlito Matteo (1), Di Giacomo M, Scollo T, Riolo R (1), Ferlito Marco, Galli E, Ianto A. Allenatore: Mantesana Manlio

Arbitro: Francesco Barbera di Cosenza

 

La Metal Carpenteria Crotone stravince la prima partita in casa della stagione, imponendosi sugli avversari con un 10-2 che lascia poco spazio ai commenti. Alla vigilia però la gara si presentava come un impegno complicato: la Water Polo Catania veniva a Crotone con l'intento di dare battaglia. Il Catania veniva dalla vittoria nella prima giornata di campionato e soprattutto con innesti importanti in rosa rispetto alla squadra già forte dello scorso anno. Ed è per questo che nel corso della settimana mister Arcuri aveva chiesto ai suoi ragazzi concentrazione e studio dell'avversario. Fin dai primi minuti di gara è stato infatti un grande Crotone, soprattutto in difesa. Il Primo tempo finito 3-0, in gol Amatruda, Bezic e Namar. La storia si ripete nel secondo tempo, durante il quale il Crotone deve fare i conti anche con le fulminee ripartenze degli avversari, ma continua a dominare la gara chiudendo la frazione di gioco con il risultato di 4-1. Nel terzo tempo i crotonesi tirano un po' il freno, forti di un ampio margine di vantaggio sugli ospiti, e così si chiude sul parziale di 1-1. L'ultimo tempo finisce invece 3-, con la squadra di Arcuri che si impone definitivamente su un avversario che rimane comunque tra i più forti del campionato. Nel complesso quella disputata oggi nella piscina olimpionica di Crotone è stata una partita maschia e molto nuotata che ha visto i padroni di casa reggere il ritmo di un avversario veloce e molto preparato fisicamente. La prossima settimana il campionato si ferma e la Metal arriva alla sosta con 6 punti fatti e pochissimi gol pres soprattutto grazie ad uno strepito Conti, portiere sempre pronto sulle parate anche più difficili. "Ci aspettavamo una partita complicata - ha raccontato alla fine mister Arcuri - l'avevamo preparata con attenzione perché loro pressano molto e prediligono un gioco che punta sul nuoto e sulla velocità. Sono comunque soddisfatto perché abbiamo difeso bene, ma dobbiamo ancora lavorare molto perché possiamo fare di più in attacco. Adesso dobbiamo continuare ad impegnarci e abbiamo due settimane per migliorarci prima di tornare in vasca".

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

rari nantes 2017 squadraPerde la prima gara in trasferta la Rari Nantes auditore che sabato scorso è stata impegnata, a Salerno, sul campo della Basilicata Nuoto 2000. E’ stata una sconfitta fortemente condizionata dalle decisioni arbitrali perché la squadra di mister Arcuri, al termine del match, ha registrato la bellezza di 18+2 rigori contro e ben 5 espulsioni, di cui una danni del migliore in acqua dei biancazzurri: Troccola. Andando a vedere nel dettaglio la gara il Crotone era partito bene nel primo tempo, molto combattuto da entrambe le parti, ma finito comunque 2-0 in favore dei padroni di casa. Il volto della partita è cambiato nel secondo tempo quando l’arbitro ha espulso con cartellino rosso il crotonese Troccola per proteste. La squadra ha accusato il colpo, segnando il primo punto del match praticamente solo nel finale di parziale. Nel terzo tempo il Crotone ha provato a riprendere in mano la gara, mettendo in difficoltà l’avversario in più occasioni e chiudendo il parziale con il risultato di 1-3. Purtroppo però l’impegno dei ragazzi di mister Arcuri non è bastato perché il finale di gara ha visto nuovamente i padroni di casa tornare in vantaggio e portare a casa il risultato.«Non dobbiamo considerare la conduzione arbitrale – ha detto a fine gara il tecnico Arcuri – come l’unica giustificazione per la sconfitta. Possiamo e dobbiamo migliorare: però è anche vero che in trasferta, in questa categoria, succede che gli arbitri siano eccessivamente severi con gli ospiti. Dobbiamo farci le ossa e imparare a difenderci». Il prossimo appuntamento, previsto per sabato 4 febbraio alle 14 nella piscina olimpica di Crotone, vedrà la Rari Nantes Auditore affrontare la squadra più forte del campionato: il Cus UniMe.

 

Tabellino.
Basilicata Nuoto 2000 11
Rari Nantes "auditore" Crotone 6
(2-0; 3-1;1-3; 5-2)

 

Basilicata Nuoto 2000: Lanzetta (1), Di Palma (3), Centanni (1), Fedeli, Bruschini, Cantarella, Sciubba (2), Di Martire G., Zizza (2), Varriale (1), Campese (2), Magliulo, Di Martire F.. All: Urgesi
Rari Nantes: Palermo, Oppido, Amatruda, Arcuri, Troccola (2), Candigliota, Morrone (1), Spadafora, Karacsony (1), Lucanto, Chiodo (2), Fusto, Cavallaro. All: Arcuri

Arbitro: Guarracino di Napoli

 

 

 

Pubblicato in Sport

RARI NANTES SINDACO«È stata una cerimonia sobria - riferisce una nota - ma comunque molto emozionante, quella che si è svolta ieri pomeriggio presso la sala consiliare del Comune di Crotone e che ha visto protagonisti gli atleti della Rari Nantes Auditore; atleti che lo scorso anno hanno vinto il campionato tornando in serie B dopo 41 anni. Alla cerimonia, presieduta dal sindaco della città Ugo Pugliese, hanno preso parte l’assessore allo Sport Giuseppe Frisenda, l’assessore alle Attività produttive Sabrina Gentile, il presidente del consorzio Daippo Emilio Ape, il portavoce del sindaco Francesco Vignis che ha moderato l’incontro, il team manager della squadra Vincenzo Foglia e il consigliere comunale Fabiola Marrelli. «La città è molto orgogliosa di voi – ha detto ai ragazzi il sindaco Pugliese – ed è per noi un onore consegnarvi questo meritatissimo premio, anche se simbolico. Voi vi allenate già in una bella piscina, ma così come abbiamo fatto per il calcio cercheremo di migliorare le strutture sportive anche per voi, perché lo sport a Crotone possa crescere sempre di più». «Ho avuto il piacere di essere presidente della Rari Nantes nell’anno del ritorno in serie B – ha poi commentato l’assessore Frisenda – e il mondo del nuoto e della pallanuoto mi appartengono ancora, anche se non ricopro più quel ruolo. Questo risultato raggiunto è importante per la città ma è il frutto di grandissimi sacrifici che i nostri atleti hanno fatto, perché si tratta di persone che al di là dello sport studiano, lavorano e hanno una famiglia. Ecco perché dico loro grazie!». Nel suo intervento Emilio Ape ha invece voluto sottolineare gli unici due aspetti negativi della festa. «Per prima cosa mi dispiace dover ricordare che, sebbene il risultato sia stato raggiunto da questa squadra da diversi mesi, la vecchia amministrazione non si è ricordata di noi, forse troppo distratti dai festeggiamenti per la seria A della squadra di calcio. Ed il secondo aspetto che voglio sottolineare è il fatto che nonostante il successo non siamo riusciti a trovare nessuno che abbia voluto darci una mano a creare una squadra più competitiva. Ci dispiace, ma non ci arrendiamo. Andremo avanti con le nostre forze e con la passione che ci ha sempre contraddistinto». A ricevere il riconoscimento della meritata vittoria del campionato sono stati:
Francesco Arcuri – allenatore
Vincenzo Arcuri – capitano
Pasquale Oppido
Aldo Pantisano
Francesco Graziano
Carlo Bellone
Raffaele Poerio
Daniele Fusto
Giuseppe Cortese
Riccardo Spadafora
Dionigi Damiano
Felice Greco
Francesco Riganello
Angelo Scorza
Aldo Amatruda
Simone Sibilla
Giuseppe Candigliota
Mario Lucanto
Bruno Ciligot
Mattia Cavallaro
Matteo Chiodo

 

 

 

 

Pubblicato in Sport
Pagina 3 di 31