fbpx
Mercoledì, 10 Agosto 2022

SPORT NEWS

SERIEA ENTELLASerie B quarantaduesima ed ultima giornata, nonostante il gol del vantaggio di Torromino, il Crotone non arriva primo in classifica perché il Cagliari vince in extremis.

 

Tabellino.

Crotone   1

Entella     0

Marcatori: Torromino 37°

 

CROTONE (3-4-3): Cordaz 7; Yao 7, Claiton 7, Ferrari 7; Di Roberto 7 (40' st Fazzi sv), Sabbione 7, Salzano 7, Modesto 7 (24' st Martella 6.5); Ricci 7,  Torromino 7.5 (28' st Budimir sv), Palladino 8. In panchina: Maniero, Cremonesi, Capezzi, Stoian, Balasa, De Giorgio. Allenatore: Juric 7.5.


VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Iacobucci 6; Iacoponi 6, Ceccarelli 6, Benedetti 6, Sini 6 (15' st Keita 6); Sestu 6 (28' st Mota Carvalho 6), Troiano 6, Staiti 6; Masucci 6 (1' st Palermo 6); Cutolo 6.5, Di Carmine 6. In panchina: Paroni, Belli, Jadid, Volpe, Lafuente, Puntoriere. Allenatore: Aglietti 6.

ARBITRO: Minelli di Jesi 6

Coll. Marco Avellano (Busto Arsizio) - Enrico Caliari (Legnano).

Quarto giudice: Eugenio Abbattista di Molfetta.

Ammoniti: Ferrari 51°, Sestu 55°, Palermo 71°, Claiton 90°.

Angoli: 6 a 6.

Recupero: 2 e 3 minuti.

Spett. tot 9.000 € 72.106.

 

SERIEA ENTELLA2Il commento.

Il Crotone saluta la serie B dopo dodici campionati (gli ultimi sette di seguito) e dalla prossima settimana in casa pitagorica si parlera' di serie A. Prima pratica da evadere quella del tecnico a proposito della conferma di Juric o di un eventuale divorzio. Nell'attesa di sapere come sara' archiviata la pratica allenatore, l'Ezio Scida continua ad essere teatro di festeggiamenti. Al termine dell'incontro con l'Entella il Crotone, dei fratelli Raffaele e Gianni Vrenna e Salvatore Gualtieri, e' stato premiato dal presidente della Lega di B Andrea Abodi e dal direttore di marketing di ConTe.it Alessandro Castelli come migliore squadra di questo campionato. Tutti gli atleti, i tecnici e la proprieta', sono saliti sul palco allestito al centro del terreno di gioco per ricevere la medaglia. Non avendo il Crotone conquistato il primo posto non ha ricevuto la coppa Ali della Vittoria. Il trofeo sara' consegnato al Cagliari arrivato primo. Quest'ultimo premio, nato nel campionato 2006/2007, e' stato conquistato per la prima volta dalla Juventus di Deschamps. La partita non si annunciava facile, l'Entella per motivi di classifica doveva assolutamente conquistare i 3 punti, il Crotone voleva regalare ai propri tifosi il primo posto. Tra i rossoblu' mancava lo squalificato Barberis sostituito da capitan Claiton. Altra sostituzione quella di Budimir rimpiazzato da Torromino. Fuori anche Balasa al cui posto e' stato spostato Di Roberto. Ospiti senza il difensore Belli e l'esterno Palermo, dentro Iacoponi e Cutolo che rientrava dopo aver scontato la lunga squalifica.

 

SERIEA ENTELLA3Avvio di partita con qualche minuto di ritardo per la bellissima scenografia realizzata in curva sud e tribuna. Il Crotone vuole vincere l'incontro ed i primi qurantacinque minuti sono un monologo rossoblu'. Dal sesto minuto tante le azioni da gol sotto la regia del maestro Palladino che imboccava di continio propri compagni in area avversaria. Il gol arriva al minuto trentasette ralizzato da Torromino dopo aver ricevuto l'assist da Palladino. Il raddoppio poteva concretizzarsi 3 minuti dopo se solo Ricci da dentro l'area non avesse calciato il pallone alto. Prima parte della gara con un Crotone formato capolista come non mai con l'ottimo trio difensivo, il centrocampo ben impostato con Sabbione e Salzano centrali, Di Roberto e Modesto sulle fasce. Il voto piu' alto del primo tempo lo merita il trio d'attacco con gli esterni Palladino, Ricci ed il centrale Torromino autore del gol. Deludente il primo tempo degli ospiti mai in partita tranne qualche assolo dell'ex Cutolo. Troppo poco per una squadra che dovra' disputare i play-off.

 

curvasud entella serieaMister Aglietti vede la sua squadra sbilanciata a centrocampo e, a inizio ripresa, toglie la punta Masucci per fare posto al centrocampista Palermo. Altra sostituzione nel reparto difensivo con l'uscita di Sini e l'ingresso di Keita. Sostituzioni che ravvivano le giocate degli ospiti senza, pero', impensierire il portiee Cordaz. Nel Crotone arriva anche il momento dell'esterno Martella che torna in campo dopo qualche settimana d'assenza per un infortunio e lo fa in sostituzione di Modesto. In campo ci sono anche Budimir per rilevare l'autore del gol, Torromino. Grande festa a fine gara, ma anche un pizzico di rammarico da parte dei tifosi per il mancato traguardo del primo posto del Crotone. Tutto questo ormai e' gia' in archivio. Da domani a Crotone e in Italia si parlera' soltanto della stupenda promozione in zerie A. Tutto il resto e' solo cronaca.

 

 

Pubblicato in Sport

festa crotoneVenerdì sera allo stadio Ezio Scida il Crotone dei fratelli Vrenna, di Salvatore Gualtieri e di Ivan Juric sarà premiato dal presidente della Lega B Andrea Abodi e dal direttore marketing di ConTe.it Alessandro Castelli al termine della gara con l'Entella. Il cerimoniale della Lega prevede un palco a centrocampo, sul quale saranno chiamati dallo speaker uno a uno i giocatori, lo staff e la proprietà, con tanto di distribuzione di medaglie e scoppio di effetti scenici. Se sarà primo posto poi ci sarà anche la Coppa Ali della Vittoria, che sempre il presidente Abodi consegnerebbe nelle mani di capitan Claiton Dos Santos. Il Crotone succederebbe così al Carpi, campione in carica, come decima squadra vincitrice di questo premio nato nel 2006/07 e conquistato per la prima volta dalla Juventus di Deschamps.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

beppe ursinoQuello tra il Crotone e Juric è un rapporto che, se non totalmente chiuso, è quantomeno agli sgoccioli. Tecnico e società si incontreranno lunedì prossimo per dire una volta per tutte se continuare insieme l'avventura in A, oppure andare ognuno per la propria strada. Oggi, intanto, il tecnico non era presenta in sala stampa per la classica conferenza pre-partita con l’Entella: un match decisivo visto che potrebbe ragalare la vittoria del campionato ai rossoblù, al di là della Serie A già matematicamente conquistata. In sala stampa si è presentanto però il suo staff tecnico per raccogliere gli onori di quanto prodotto anche da parte loro in questo campionato da record del Crotone. L’assenza è stata così giustificata dalla società. Da quanto affermato dal ds Giuseppe Ursino, qualcosa in più si carpisce e non lascia certo intendere che i rapporti siano ottimali in questo momento tra il tecnico e la società. Ieri il presidente Preziosi non ha smentito le voci che parlano di un Juric già sotto contratto per sedere sulla panchina del Genoa, Vrenna subito dopo ha invitato il tecnico croato a ripensarci. Quest’oggi il ds Ursino ha sottolineato che la permanenza di Juric dipenderà «dalle rischieste che il tecnico avanzera' alla società» e che «il tutto verrà definito lunedì prossimo quando ci siederemo con Ivan per chiarire il futuro suo e nostro». «Eventualmente – ha affermato Ursino – porteremo avanti la politica della societa' come fatto anche quando abbiamo ingaggiato Gasperini e Drago». I due tecnici, infatti, tutt'altro che blasonati o di riconosciuta esperienza, provenivano dai settori giovanili della Juventus, il primo, e del Crotone, il secondo. Se cosi sara', significa che il prossimo allenatore del Crotone in A potebbe essere un giovane alla prima esperienza nei campionati professionisti.

 

staff tecnico crotoneSerie B ultima giornata, Crotone-Entella, stadio Ezio Scida venerdi 20 maggio ore 20.30.

Un successo casalingo del Crotone è quanto chiedono i tifosi per salutare nel migliore dei modi la cadetteria, dopo l'avvenuta promozione dei rossoblù nella massima serie. Sarà ancora una volta un incontro impegnativo contro un avversario, l'Entella, che in caso di sconfitta potrebbe uscie dai play-off (se contemporaneamente il Novara, impegnato in casa contro il Modena, conquistera' l'intera posta). Ma piu' che parlare del prossimo appuntamento, in sala stampa, si e' parlato del lavoro svolto dallo staff tecnico (Foto) che ha affiancato mister Juric nel corso della stagione. Un ottimo apporto, anche e soprattutto il loro, sublimato dalla promozione nella massima serie che, quindi, non è arrivata a caso. Bravura professionale quella dei cinque componenti dello staff che poggia su un'ottima impostazione tecnica, condita dall'attaccamento alla maglia dei rossoblu' scesi in campo nel corso delle 42 partite di questo campionato. Il tutto sostenuto dalla serieta' e dalla competenza della societa' rossoblu' che ha permesso ai tecnici di lavorare in tutta tranquillità: il giusto mix vincente. Mimmo Borelli, preparatore atletico, tornava in prima squadra dopo una pausa di qualche anno. E' stato lui l'artefice dell'ottima preparazione atletica evidenziata dai giocatori nel corso della partita e per tutto il campionato. Di lui mister Juric ha affermato che e' tra i migliori tre preparatori d'Italia. Antonio Macrì, preparatore dei portieri, in forza al Crotone da più stagioni, crotonese doc come il preparatore atletico, ha il merito di aver saputo mantenere in forma i vari portieri che ha allenato. Di Cordaz ha affermato che, nonostante la bravura dimostrata, ha ancora margine di miglioramento e questo significa che Cordaz potrebbe essere anche il portiere del prossimo campionato. Lo staff tecnico comprende Ivan Moschella, ex giocatore rossoblù e fra gli artefici della promozione del Crotone in serie C1 nel famoso spareggio contro il Benevento a Lecce. Moschella è, nel corso degli incontri casalinghi, l'osservatore particolare del Crotone. Osserva tutti i movimenti dei giocatori e, tra il primo e secondo tempo, riferisce al tecnico Juric. Stefan Ostojic è l'informatico delle partite ed è arrivato al Crotone insieme a Juric dopo essere stato anche lui a Mantova. Attraverso il computer studia ogni singola giocata degli avversari che il Crotone deve affrontare e ne elabora le contro mosse. Alberto Corradi, allenatore in seconda, arrivato anche lui al Crotone insieme a Juric, completa il quintetto che ha fatto disputare al Crotone questo magnifico campionato. La domanda nasce spontanea: quanti di questi rimarranno a Crotone anche la prossima stagione? Sicuramente Borelli, Macri e Moschella. Per quanto riguarda Juric e coloro che sono arrivati insieme a lui, Corradi e Ostojic, non e' dato sapere giacche' dipende dalla continuita' del rapporto tra Juric e il Crotone.

Pubblicato in Sport

trapani crotoneNella 41.esima giornata del campionato di Serie B il Crotone incassa la sesta sconfitta (quinta esterna) per mano del Trapani e perde la vetta. Cagliari nuova capolista a un punto dopo il successo (3-0) sulla Salernitana. Play-off conquistati per Pescara, Trapani, Bari

 

Tabellino.

Trapani 3
Crotone 0

Marcatori: Perticone 41°, Scognamiglio 66°, De Cenco

 

TRAPANI (5-3-2): Nicolas 6; Fazio 6.5, Perticone 7 (34' st Dai' sv), Pagliarulo 6.5, Scognamiglio 7, Rizzato 6.5; Eramo 6.5, Scozzarella 6.5, Coronado 6.5; Petkovic 6.5 (39' st Ciaramitaro sv), Citro 6.5 (29' st De Cenco 6.5). In panchina: Fulignati, Basso, Raffaello, Cavagna, Montalto, Torregrossa. Allenatore: Cosmi 7.


CROTONE (3-4-3): Cordaz 5.5; Ferraris 5, Barberis 5.5, Yao 6; Balasa 5, Modesto 6, Salzano 6, Sabbione 5 (10' st Capezzi 5); Palladino 6 (38' st Delgado sv), Ricci 5.5, Di Roberto 6 (14' st Budimir 5.5). In panchina: Maniero, Stoian, Claiton, Cremonesi, Torromino, Garcia Tena. Allenatore: Juric 6


ARBITRO: Martinelli di Roma 6.5

NOTE: spettatori 6595. Ammoniti Sabbione, Ferrari, Pagliarulo, Barberis, Scozzarella, Balasa. Angoli 5-0. Recupero: 1'; 0'.

 

Il commento.

Alla vigilia c'era la certezza della promozione del Crotone nella massima serie e la voglia di disputare i play-off da parte del Trapani. La quarantunesima sfida sul terreno del Polisportivo provinciale rappresentava il clou della giornata avendo entrambe le squadre ancora un obiettivo da raggiungere. Per il Crotone si trattava di conquistare un risultato positivo per non abdicare dalla prima posizione, il Trapani voleva i tre punti per aumentare la striscia positiva dei quattordici risultati positivi, ma soprattutto per scalare la terza posizione considerata privilegiata ai fini dei play-off. Altra nota di curiosità dell'incontro la presenza degli ex Scognamiglio, Basso, Eramo, Torregrossa tra le fila dei siciliani.


Ha vinto il Trapani che però non conquista il terzo posto per effetto della vittoria del Pescara a Modena. Ma per sapere chi sarà la leader del girone occorre aspettare l'ultima giornata. Per i rossoblù si è trattata della quinta sconfitta esterna della stagione (sesta in totale) che nulla hanno a che vedere con il fantastico campionato disputato dalla squadra pitagorica. Tra gli undici iniziali mister Cosmi ha dovuto lasciare fuori gli squalificati Nizzetto e Barillà, mentre per scelta tecnica non ha schierato gli attaccanti Torregrossa e Montalto. I quattro assenti sostituiti da Coronato, Fazio, Petrovic, Citro.
Il tecnico rossoblù Ivan Juric (ancora non definita la sua posizione con il Crotone per la prossima stagione) ha messo in campo i nove/undicesimi della precedente formazione lasciando fuori lo squalificato Fazzi e il bomber Budimir che in questi giorni si è recato in Croazia per farsi curare dal medico di fiducia. Al loro posto fin dall'inizio Balasa e Di Roberto con relativo spostamento di Ricci al centro della prima linea.


Avvio di partita con il Crotone che evidenzia la superiorità da capolista fin dai primi minuti sotto la regia di Palladino. Al sesto minuto il rossoblù dialoga con il capitano Modesto che, ricevuto il pallone, lo crossa per Ricci il quale di testa lo manda alto. Due minuti dopo è sempre Ricci che potrebbe mettere il pallone dentro con un pallonetto (errore del portiere Nicolas), ma anche in questo caso il rossoblù non centra la porta. Continua l'offensiva del Crotone al dodicesimo minuto con la triangolazione Salzano, Modesto, Palladino che impegna il portiere Nicolas ad un difficile intervento. Al tredicesimo minuto break del Trapani con Citro che in area di rigore impegna Cordaz. Il maestro Palladino continua a dirigere da par suo gli orchestrali rossoblù ed al trentaquattresimo minuto un altro assist per Balasa che di testa non colpisce bene il pallone. Reagisce il Trapani ancora con Citro ma in area di rigore scivola e sfuma l'occasione per mettere dentro il pallone.


Come spesso capita nel calcio, non sempre è premiata la squadra che domina. Al minuto quarantuno in seguito a una punizione calciata da Scozzarella il pallone giunge nei pressi di Perticone che fulmina Cordaz di testa. Per l'occasione il rossoblù Balasa non ha contrastato l'avversario mentre colpiva il pallone. Il vantaggio fa aumentare il potenziale offensivo dei locali fin dall'inizio della ripresa. Mister Juric richiama il centrocampista Sabbione per fare posto a Capezzi, dopo due giornate d'assenza, e al minuto sessantesimo in campo anche Budimir per Di Roberto e relativo spostamento di Ricci esterno. Non si raccapezza più il Crotone ed al minuto sessantaseiesimo, in seguito a calcio d'angolo battuto da Scozzarella, arriva il raddoppio dei locali con l'ex difensore Scognamiglio. Locali non sazi del risultato continua ad offendere gli ospiti ed al minuto settantasei arriva il terzo gol con De Cenco entrato in campo al minuto settantaquattro. Nei minuti finali spazio anche per il rossoblù Del Gado al debutto in assoluto in serie B. Per quanto riguarda i play-off, sicuri di disputarli Pescara, Trapani, Bari.

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

juric pre modena internaMister Juric ha smentito pochi minuti fa, nella conferenza stampa che pre-trasferta di Trapani, le voci insistenti di mercato che lo danno per la prossima stagione sulla panchina del Genoa. Durante la conferenza stampa convocata alle ore 14.15 presso lo stadio Ezio Scida, l'attesa dei giornalista era proprio verso il tecnico rossoblù e a lui hanno chiesto se rispondessero al vero le voci che lo danno in partenza a fine stagione. «Per quano riguarda la continuità o meno del mio rapporto con il Crotone - ha subito sottolineato Juric - non ho rilasciato alcuna dichiarazione. Come ho già detto in precedenza e come confermato dallo stesso presidente Raffaele Vrenna, ci incontreremo a fine campionato per programmare il mio futuro e quello del Crotone per quanto riguarda la conduzione tecnica».

 

«È vero - affermato -, mi sono sentito con Preziosi, ma anche con altri presidenti italiani e di società straniere. Ci sono tante opzioni che sto valutando e prenderò ogni decisione insieme con il presidente Vrenna perché c'è un gran rapporto tra noi. La scelta finale dipenderà dai sentimenti, dalle prospettive, dalle sensazioni che si possono avere come quella dell'anno scorso quando, pur avendo altre possibilità, ho aspettato la chiamata del Crotone».

 

Il dubbio amletico circa la permanenza di Juric al Crotone è stato anche al centro delle dichiarazioni rilasciate dal capitan Claiton: «Sarei felice che il mister rimanesse con noi anche l'anno prossimo». «Sarei felice di continuare a giocare per il Crotone la prossima stagione - ha detto il difensore - avendo fatto con questa squadra un percorso meraviglioso che vorrei proseguire anche in serie A. Sono sotto contratto con la società anche per la prossima stagione».


Parlando invece della prossima partita di Trapani, sia il tecnico, che Claiton hanno detto che si tratta di un match importante per entrambe le squadre, avendo ognuna delle un obiettivo da centrare. Juric: «Sarà una partita difficile contro una squadra che non perde da quattordici settimane e che vuole mantenere l'attuale posizione di classifica per i play-off. Il pareggio non serve né al Crotone, né al Trapani». Circa l'incognita Budimir che si era recato in Croazia e quindi lo davano assente negli ultimi incontri, Juric ha affermato che si è trattato di un viaggio per farsi curare in Croazia dal suo clinico di fiducia. «Budimir – ha continuato a dire il tecnico – giocherà le due prossime gare come pure Sabbione».

 

 

 

Pubblicato in Sport

pallamano 2016«Ci sono delle partite - riferisce un comunicato della squadra di pallamano Puliverde Crotone - che entrano nella storia per la loro importanza, altre per come sono disputate altre ancora per quello che succede fuori dal campo prima, durante e dopo l’incontro. Quella cruciale di sabato disputata a Terranova da Sibari fra i padroni di casa dell’Amatori Terranova e la Puliverde Crotone valida per la promozione in serie A2 (le due squadre erano a pari punti in classifica chi vinceva otteneva la promozione) è finita nel peggiore dei modi. Si è scritta probabilmente la pagina più brutta e vergognosa della pallamano calabrese».

 

«A fine partita - riferisce il comunciato - il presidente della Puliverde Crotone, un dirigente ed alcuni giocatori sono stati aggrediti da parte di molti dei tantissimi spettatori che sono entrati in campo. Non c’è stata nessuna tutela da parte della società ospitante. Nonostante tutto la dirigenza crotonese ha deciso di non sporgere denuncia, ma la vile aggressione lascerà grossi strascichi sul prosieguo dell’attività di questa società. Non si può pensare che per una partita di pallamano, per quanto importate e tra l’altro vinta dalla squadra di casa, si possa arrivare a rischiare l’incolumità fisica. Questo non è più sport, non è quello per cui tutta la Puliverde Crotone si sacrifica. Se la pallamano in Calabria, giustamente rappresentata dall’Amatori Terranova in quanto squadra che milita nella serie maggiore, è questa allora la Puliverde non ci vuole stare più».

 

«A Terranova - prosegue il comunicato - le partite sono state sempre maschie, spesso sono finite in modo non amichevole, ma sabato si è superato ogni limite di decenza. Non è costume della società crotonese lamentarsi degli arbitraggi, di quello che succede ai bordi del campo, degli insulti e del clima ostile, ma questa volte è stato superato ogni limite ed è giusto che tutti sappiano il rischio che si corre quando si gioca a Terranova da Sibari. È normale che quanto successo spedisce in secondo piano la partita che i crotonesi hanno disputato alla grande. Contro avversari che hanno giocato al limite del regolamento, una coppia arbitrale che non è apparsa nella sua migliore giornata ed un ambiente che definire ostile è un eufemismo, i pitagorici hanno messo in campo una prestazione maiuscola. Solo nei minuti finali hanno dovuto cedere dopo aver lottato e tenuto in piedi una partita giocata per molti minuti con un uomo in meno».

 

Per i crotonesi gli allontanamenti per due minuti sono stati molto più numerosi di quelli dei padroni di casa. La sensazione è che una partita del genere disputata in campo neutro e con la coppia arbitrale nella sua giornata migliore sarebbe terminata con un punteggio diverso. Però con i se e con i ma non si va da nessuna parte, l’Amatori Terranova ha vinto ed ha conquistato la promozione in serie A2. Una vittoria al veleno macchiata da un’aggressione che non fa bene allo sport e alla Calabria».

 

Tabellino.

Amatori Terranova – Puliverde Crotone: 26 – 20  (risultato pt: 11 – 10)

AMATORI TERRANOVA: La Fontana A., Scirrotta 4, Scarpelli, Pugliese A. 4, Corso 3, Borromeo 6, Gulotta 3, Di Marco 1, Smiriglia 5, Perrone, La Fontana G., Cassetti, Mauro, Oliva. All.: Pugliese E.

PULIVERDE CROTONE: Gentile, Gerace 1, Gigliarano 2, Perri R. 9, Perri M., Gallucci, Fiorenza A., Cortese, Martino 1, Malerba 5, Di Bona, Liotti, Lo Guarro, Fiorenza M. All.: Liviera.

 

 

 

Pubblicato in Sport
Pagina 4 di 31