Martedì, 22 Settembre 2020

SPORT NEWS

Campionato serie A 2020/2021: inizio 19 settembre prossimo e fine al 23 maggio 2021. Si gioca anche il 3 gennaio, turno infrasettimanale alla Befana.

Pubblicato in Sport

SERIEA ENTELLASerie B quarantaduesima ed ultima giornata, nonostante il gol del vantaggio di Torromino, il Crotone non arriva primo in classifica perché il Cagliari vince in extremis.

 

Tabellino.

Crotone   1

Entella     0

Marcatori: Torromino 37°

 

CROTONE (3-4-3): Cordaz 7; Yao 7, Claiton 7, Ferrari 7; Di Roberto 7 (40' st Fazzi sv), Sabbione 7, Salzano 7, Modesto 7 (24' st Martella 6.5); Ricci 7,  Torromino 7.5 (28' st Budimir sv), Palladino 8. In panchina: Maniero, Cremonesi, Capezzi, Stoian, Balasa, De Giorgio. Allenatore: Juric 7.5.


VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Iacobucci 6; Iacoponi 6, Ceccarelli 6, Benedetti 6, Sini 6 (15' st Keita 6); Sestu 6 (28' st Mota Carvalho 6), Troiano 6, Staiti 6; Masucci 6 (1' st Palermo 6); Cutolo 6.5, Di Carmine 6. In panchina: Paroni, Belli, Jadid, Volpe, Lafuente, Puntoriere. Allenatore: Aglietti 6.

ARBITRO: Minelli di Jesi 6

Coll. Marco Avellano (Busto Arsizio) - Enrico Caliari (Legnano).

Quarto giudice: Eugenio Abbattista di Molfetta.

Ammoniti: Ferrari 51°, Sestu 55°, Palermo 71°, Claiton 90°.

Angoli: 6 a 6.

Recupero: 2 e 3 minuti.

Spett. tot 9.000 € 72.106.

 

SERIEA ENTELLA2Il commento.

Il Crotone saluta la serie B dopo dodici campionati (gli ultimi sette di seguito) e dalla prossima settimana in casa pitagorica si parlera' di serie A. Prima pratica da evadere quella del tecnico a proposito della conferma di Juric o di un eventuale divorzio. Nell'attesa di sapere come sara' archiviata la pratica allenatore, l'Ezio Scida continua ad essere teatro di festeggiamenti. Al termine dell'incontro con l'Entella il Crotone, dei fratelli Raffaele e Gianni Vrenna e Salvatore Gualtieri, e' stato premiato dal presidente della Lega di B Andrea Abodi e dal direttore di marketing di ConTe.it Alessandro Castelli come migliore squadra di questo campionato. Tutti gli atleti, i tecnici e la proprieta', sono saliti sul palco allestito al centro del terreno di gioco per ricevere la medaglia. Non avendo il Crotone conquistato il primo posto non ha ricevuto la coppa Ali della Vittoria. Il trofeo sara' consegnato al Cagliari arrivato primo. Quest'ultimo premio, nato nel campionato 2006/2007, e' stato conquistato per la prima volta dalla Juventus di Deschamps. La partita non si annunciava facile, l'Entella per motivi di classifica doveva assolutamente conquistare i 3 punti, il Crotone voleva regalare ai propri tifosi il primo posto. Tra i rossoblu' mancava lo squalificato Barberis sostituito da capitan Claiton. Altra sostituzione quella di Budimir rimpiazzato da Torromino. Fuori anche Balasa al cui posto e' stato spostato Di Roberto. Ospiti senza il difensore Belli e l'esterno Palermo, dentro Iacoponi e Cutolo che rientrava dopo aver scontato la lunga squalifica.

 

SERIEA ENTELLA3Avvio di partita con qualche minuto di ritardo per la bellissima scenografia realizzata in curva sud e tribuna. Il Crotone vuole vincere l'incontro ed i primi qurantacinque minuti sono un monologo rossoblu'. Dal sesto minuto tante le azioni da gol sotto la regia del maestro Palladino che imboccava di continio propri compagni in area avversaria. Il gol arriva al minuto trentasette ralizzato da Torromino dopo aver ricevuto l'assist da Palladino. Il raddoppio poteva concretizzarsi 3 minuti dopo se solo Ricci da dentro l'area non avesse calciato il pallone alto. Prima parte della gara con un Crotone formato capolista come non mai con l'ottimo trio difensivo, il centrocampo ben impostato con Sabbione e Salzano centrali, Di Roberto e Modesto sulle fasce. Il voto piu' alto del primo tempo lo merita il trio d'attacco con gli esterni Palladino, Ricci ed il centrale Torromino autore del gol. Deludente il primo tempo degli ospiti mai in partita tranne qualche assolo dell'ex Cutolo. Troppo poco per una squadra che dovra' disputare i play-off.

 

curvasud entella serieaMister Aglietti vede la sua squadra sbilanciata a centrocampo e, a inizio ripresa, toglie la punta Masucci per fare posto al centrocampista Palermo. Altra sostituzione nel reparto difensivo con l'uscita di Sini e l'ingresso di Keita. Sostituzioni che ravvivano le giocate degli ospiti senza, pero', impensierire il portiee Cordaz. Nel Crotone arriva anche il momento dell'esterno Martella che torna in campo dopo qualche settimana d'assenza per un infortunio e lo fa in sostituzione di Modesto. In campo ci sono anche Budimir per rilevare l'autore del gol, Torromino. Grande festa a fine gara, ma anche un pizzico di rammarico da parte dei tifosi per il mancato traguardo del primo posto del Crotone. Tutto questo ormai e' gia' in archivio. Da domani a Crotone e in Italia si parlera' soltanto della stupenda promozione in zerie A. Tutto il resto e' solo cronaca.

 

 

Pubblicato in Sport

trapani crotoneNella 41.esima giornata del campionato di Serie B il Crotone incassa la sesta sconfitta (quinta esterna) per mano del Trapani e perde la vetta. Cagliari nuova capolista a un punto dopo il successo (3-0) sulla Salernitana. Play-off conquistati per Pescara, Trapani, Bari

 

Tabellino.

Trapani 3
Crotone 0

Marcatori: Perticone 41°, Scognamiglio 66°, De Cenco

 

TRAPANI (5-3-2): Nicolas 6; Fazio 6.5, Perticone 7 (34' st Dai' sv), Pagliarulo 6.5, Scognamiglio 7, Rizzato 6.5; Eramo 6.5, Scozzarella 6.5, Coronado 6.5; Petkovic 6.5 (39' st Ciaramitaro sv), Citro 6.5 (29' st De Cenco 6.5). In panchina: Fulignati, Basso, Raffaello, Cavagna, Montalto, Torregrossa. Allenatore: Cosmi 7.


CROTONE (3-4-3): Cordaz 5.5; Ferraris 5, Barberis 5.5, Yao 6; Balasa 5, Modesto 6, Salzano 6, Sabbione 5 (10' st Capezzi 5); Palladino 6 (38' st Delgado sv), Ricci 5.5, Di Roberto 6 (14' st Budimir 5.5). In panchina: Maniero, Stoian, Claiton, Cremonesi, Torromino, Garcia Tena. Allenatore: Juric 6


ARBITRO: Martinelli di Roma 6.5

NOTE: spettatori 6595. Ammoniti Sabbione, Ferrari, Pagliarulo, Barberis, Scozzarella, Balasa. Angoli 5-0. Recupero: 1'; 0'.

 

Il commento.

Alla vigilia c'era la certezza della promozione del Crotone nella massima serie e la voglia di disputare i play-off da parte del Trapani. La quarantunesima sfida sul terreno del Polisportivo provinciale rappresentava il clou della giornata avendo entrambe le squadre ancora un obiettivo da raggiungere. Per il Crotone si trattava di conquistare un risultato positivo per non abdicare dalla prima posizione, il Trapani voleva i tre punti per aumentare la striscia positiva dei quattordici risultati positivi, ma soprattutto per scalare la terza posizione considerata privilegiata ai fini dei play-off. Altra nota di curiosità dell'incontro la presenza degli ex Scognamiglio, Basso, Eramo, Torregrossa tra le fila dei siciliani.


Ha vinto il Trapani che però non conquista il terzo posto per effetto della vittoria del Pescara a Modena. Ma per sapere chi sarà la leader del girone occorre aspettare l'ultima giornata. Per i rossoblù si è trattata della quinta sconfitta esterna della stagione (sesta in totale) che nulla hanno a che vedere con il fantastico campionato disputato dalla squadra pitagorica. Tra gli undici iniziali mister Cosmi ha dovuto lasciare fuori gli squalificati Nizzetto e Barillà, mentre per scelta tecnica non ha schierato gli attaccanti Torregrossa e Montalto. I quattro assenti sostituiti da Coronato, Fazio, Petrovic, Citro.
Il tecnico rossoblù Ivan Juric (ancora non definita la sua posizione con il Crotone per la prossima stagione) ha messo in campo i nove/undicesimi della precedente formazione lasciando fuori lo squalificato Fazzi e il bomber Budimir che in questi giorni si è recato in Croazia per farsi curare dal medico di fiducia. Al loro posto fin dall'inizio Balasa e Di Roberto con relativo spostamento di Ricci al centro della prima linea.


Avvio di partita con il Crotone che evidenzia la superiorità da capolista fin dai primi minuti sotto la regia di Palladino. Al sesto minuto il rossoblù dialoga con il capitano Modesto che, ricevuto il pallone, lo crossa per Ricci il quale di testa lo manda alto. Due minuti dopo è sempre Ricci che potrebbe mettere il pallone dentro con un pallonetto (errore del portiere Nicolas), ma anche in questo caso il rossoblù non centra la porta. Continua l'offensiva del Crotone al dodicesimo minuto con la triangolazione Salzano, Modesto, Palladino che impegna il portiere Nicolas ad un difficile intervento. Al tredicesimo minuto break del Trapani con Citro che in area di rigore impegna Cordaz. Il maestro Palladino continua a dirigere da par suo gli orchestrali rossoblù ed al trentaquattresimo minuto un altro assist per Balasa che di testa non colpisce bene il pallone. Reagisce il Trapani ancora con Citro ma in area di rigore scivola e sfuma l'occasione per mettere dentro il pallone.


Come spesso capita nel calcio, non sempre è premiata la squadra che domina. Al minuto quarantuno in seguito a una punizione calciata da Scozzarella il pallone giunge nei pressi di Perticone che fulmina Cordaz di testa. Per l'occasione il rossoblù Balasa non ha contrastato l'avversario mentre colpiva il pallone. Il vantaggio fa aumentare il potenziale offensivo dei locali fin dall'inizio della ripresa. Mister Juric richiama il centrocampista Sabbione per fare posto a Capezzi, dopo due giornate d'assenza, e al minuto sessantesimo in campo anche Budimir per Di Roberto e relativo spostamento di Ricci esterno. Non si raccapezza più il Crotone ed al minuto sessantaseiesimo, in seguito a calcio d'angolo battuto da Scozzarella, arriva il raddoppio dei locali con l'ex difensore Scognamiglio. Locali non sazi del risultato continua ad offendere gli ospiti ed al minuto settantasei arriva il terzo gol con De Cenco entrato in campo al minuto settantaquattro. Nei minuti finali spazio anche per il rossoblù Del Gado al debutto in assoluto in serie B. Per quanto riguarda i play-off, sicuri di disputarli Pescara, Trapani, Bari.

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

juric pre modena internaMister Juric ha smentito pochi minuti fa, nella conferenza stampa che pre-trasferta di Trapani, le voci insistenti di mercato che lo danno per la prossima stagione sulla panchina del Genoa. Durante la conferenza stampa convocata alle ore 14.15 presso lo stadio Ezio Scida, l'attesa dei giornalista era proprio verso il tecnico rossoblù e a lui hanno chiesto se rispondessero al vero le voci che lo danno in partenza a fine stagione. «Per quano riguarda la continuità o meno del mio rapporto con il Crotone - ha subito sottolineato Juric - non ho rilasciato alcuna dichiarazione. Come ho già detto in precedenza e come confermato dallo stesso presidente Raffaele Vrenna, ci incontreremo a fine campionato per programmare il mio futuro e quello del Crotone per quanto riguarda la conduzione tecnica».

 

«È vero - affermato -, mi sono sentito con Preziosi, ma anche con altri presidenti italiani e di società straniere. Ci sono tante opzioni che sto valutando e prenderò ogni decisione insieme con il presidente Vrenna perché c'è un gran rapporto tra noi. La scelta finale dipenderà dai sentimenti, dalle prospettive, dalle sensazioni che si possono avere come quella dell'anno scorso quando, pur avendo altre possibilità, ho aspettato la chiamata del Crotone».

 

Il dubbio amletico circa la permanenza di Juric al Crotone è stato anche al centro delle dichiarazioni rilasciate dal capitan Claiton: «Sarei felice che il mister rimanesse con noi anche l'anno prossimo». «Sarei felice di continuare a giocare per il Crotone la prossima stagione - ha detto il difensore - avendo fatto con questa squadra un percorso meraviglioso che vorrei proseguire anche in serie A. Sono sotto contratto con la società anche per la prossima stagione».


Parlando invece della prossima partita di Trapani, sia il tecnico, che Claiton hanno detto che si tratta di un match importante per entrambe le squadre, avendo ognuna delle un obiettivo da centrare. Juric: «Sarà una partita difficile contro una squadra che non perde da quattordici settimane e che vuole mantenere l'attuale posizione di classifica per i play-off. Il pareggio non serve né al Crotone, né al Trapani». Circa l'incognita Budimir che si era recato in Croazia e quindi lo davano assente negli ultimi incontri, Juric ha affermato che si è trattato di un viaggio per farsi curare in Croazia dal suo clinico di fiducia. «Budimir – ha continuato a dire il tecnico – giocherà le due prossime gare come pure Sabbione».

 

 

 

Pubblicato in Sport

crotone latina squadreÈ finito col punteggio di 1-1 il march tra Crotone e latina disputato questo pomeriggio allo Scida. Tutte nel primo tempo le reti di Ricci (Crotone) e Brosco (Latina). Il Crotone resta in testa alla classifica di serie B con due punti vantaggio sulla diretta inseguitrice Cagliari che, con la vittoria di ieri, ha ottenuto la promozione in serie A.

 

Tabellino.

CROTONE   1
LATINA        1
Marcatori: Ricci 31°, Brosco 43°.

 

CROTONE (3-4-3): Cordaz 6; Yao 6.5, Barberis 6.5, Ferrari 6.5; Fazzi 6 (10' st Di Roberto 6), Sabbione 6, Salzano 6, Modesto 6 (37' st Garcia Tena sv); Ricci 7 (33'st Stoian 6), Budimir 6, Palladino 6.5. In panchina: Maniero, Cremonesi, Capezzi, De Giorgio, Delgado, Torromino. Allenatore: Juric 6.5


LATINA (4-3-3): Ujkani 6; Bruscagin 6.5, Brosco 7, Dellafiore 6.5, Calderoni 6; Schiattarella 7, Mbaye 6.5, Bandinelli 6 (46' st Baldanzeddu sv); Scaglia 6.5, Paponi 6 (37'st Boakye sv), Dumitru 6 (21'st Acosty 6). In panchina: Farelli, Esposito, Celli, Shahinas, Nelson, Corvia. Allenatore: Gautieri 6

 

ARBITRO: Candussio di Cervignano del Friuli 6
NOTE: spettatori 8362 incasso 63.070; ammoniti Calderoni, Bandinelli, Schiattarella, Fazzi.

 

Il commento.
palermo vrenna«Le ultime partite il Crotone le dovra' giocare come fossero finali» è quanto avevano affermato i rossoblù alla vigilia della trasferta di Modena. La prima finale meglio non poteva concludersi. Il punto conquistato contro i canarini in Emilia ha determinato la matematica promozione in serie A. Contro il Latina stesso impegno e stessa voglia per continuare a conquistare altri punti e rimanere al primo posto.

 

L'ampia vittoria del Cagliari a Bari nell'anticipo di venerdì obbligava i rossoblù ad incamerare i tre punti per non mettere a rischio la leadership. Il risultato finale ha smentito coloro che in maniera ingiustificata pensavano ad un Crotone immotivato a causa della promozione gia' raggiunta. In campo nel corso dei 95 minuti si e' ammirata una squadra che ha cercato il successo.

 

Tra gli undici rossoblu' iniziali mancavano per squalifica il difensore Claiton al cui posto e' stato spostato il centrocampista Barberis. Altra assenza quella dell'esterno Di Roberto per fare posto a Fazzi. Fin dall'inizio in campo ancheil centrocampista Sabbione schierato al fianco di Salzano. Mister Gautieri ha dovuto rinunciare ai centrocampisti Olivera (squalificato) e ad Ammari rimpiazzati da Mbaye e Dumitru. E' stato un primo tempo giocato da entrambe con intensita'. Tra i locali bene Fazzi esterno destro e Sabbione centrocampista. Ospiti insidiosi con Brosco, Scaglia, Paponi.

 

vrenna crotone plataformIl momentaneo vantaggio, il Crotone lo costruisce al trentunesimo minuto con Ricci che da dentro l'area trafigge Ujikan. Undicesimo gol stagionale del rossoblu' e tripudio sugli spalti. I minuti successivi sono a favore dei pitagorici fino al quarantatre quando il Latina in seguito al quarto calcio d'angolo si porta in parita'. Dalla bandierina batte Scaglia che fa giungere il pallone in area dove Brosco ben appostato lo mette dentro di testa. Inizio ripresa in evidenza il Latina he crede nella possibilita' di portarsi a casa i tra punti.

 

La convinzione dura fino al minuto quindicesimo, dopo e' il Crotone, che nel frattempo ha sostituito Fazzi con Di Roberto, a comandare il gioco con Palladino, Sabbione, Salzano ma il gol del vantaggio non arriva per la bravura degli ospiti che sanno come chiudersi a centrocampo. Fuori Ricci (impiegato piu'al fianco di Budimir che esterno) ed al suo posto Stoian. Non cambia il risultato fino al termine ed ora il distacco dal Cagliari si riduce a due lunghezze. Un punto d'oro per il Latina in chiave salvezza, ancora tutto da decidere nelle prossime due partite a proposito del primo posto.

 

 

 

Pubblicato in Sport

rari nantes auditore 1975 2016(Foto a colori: Paolo Pulvirenti) È un'attesa che dura da 41 anni. Dopo la storica promozione del Crotone calcio in serie A, un'altra importante promozione potrebbe essere in dirittura d'arrivo per mano della pallanuoto "R.N. Auditore". La squadra del presidente Emilio Ape, infatti, è a un passo dalla promozione in serie B. Un traguardo che, facendo gli scongiuri del caso, potrebbe arrivare dopo 41 anni. Era il 1975, allora, e nella vasca della mitica piscina Coni, in via Molo Sanità, la Rari Nantes Auditore Crotone conquistò la promozione in serie B.

 

rari nantes auditore 1975La permanenza nella categoria superiore, però, durò un solo anno. A causa dell'inidoneità della vasca, la R.N. Auditore fu costretta a giocare l'intero campionato in trasferta. Una penalizzazione che contribuì alla retrocessione in serie C dell'Auditore. Di quella mitica squadra faceva parte Raffaele Ape, Daniele Paonessa, Elio (Lulu) Corigliano, Vincenzo Foglia, Nicola Morace, Eugenio Corradino Amatruda, Emilio Ape, Francesco Carcea, Alfonso Amatruda, Francesco Giuda, Paolo Cerrelli e Maurizio Barbaro che era il più piccolo della squadra. Allenatore era il grande Mario Casabona di Genova.

 

rari nantes auditore2A distanza di 41 anni, adesso, la R.N. Auditore è chiamata a riscrivere la storia del settebello pitagorico. Sabato prossimo, infatti, si disputerà il terzultimo impegno stagionale che sarà giocato nella Piscina Olimpionica di Crotone alle ore 14. Avversario della capolista R.N. Auditore è il forte Payton Bari secondo in classifica a cinque punti di distanza ma con una partita in meno.

 

Sarà anche un incontro rivincita per il settebello pitagorico che vorrà vendicarsi dell'unica sconfitta (9-7) finora subita proprio contro il Payton Bari in trasferta. Oltre a questo stop, la R.N. Auditore vanta in questo campionato un curriculum di tutto rispetto avendo vinto dieci partite su undici mettendo a segno 152 gol e subendone soltanto 56.

 

checco arcuriNell'assieme si tratta di una formazione composta da under 17 e anche meno giovani, costruita con intelligenza da parte del bravo e preparato tecnico Francesco Arcuri che da due anni è alla guida della prima squadra. Fanno parte della R. N. Auditore: Cortese, Sibilla, (portieri); Candigliota, Fusto, Cavallaro, Bellome, Riganello (difensori); Spadafora, Scorza, Oppodo P. Amatruda (centro vasca); Chiodo, Pantisano A., Arcuri, Graziano, Lucanto, Poerio (centro boa).

 

Spetta ora a questi giovani ripetere dopo quarantuno anni il "miracolo" della promozione in serie B. A differenza di allora (1975) sarà una promozione che non costringerà la squadra a dover emigrare per poter disputare il campionato in casa di serie superiore, in quanto, dopo alcuni decenni, Crotone si è dotata, finalmente, di una vasca Olimpionica dentro la quale è possibile ospitare il campionato di serie B e, volendo, anche di serie A! Ma questi traguardi, si sa a Crotone, si conqustano "a mano a mano".

 

piscina coni4CLASSIFICA DOPO LA 11^ GIORNATA

  1. R.N. Auditore                         Punti 30
  2. Payton Bari                             Punti 25*
  3. Mediterraneo TA                   Punti 19
  4. Sport Project                          Punti 18*
  5. R.N. Taranto 1996                 Punti 16
  6. Fimco Sport                            Punti 13
  7. Bio Sport Conversano           Punti 6
  8. Master Valenzano                  Punti 0

 

(*) Una partita in meno

 rari nantes auditore 1975

 

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 31