fbpx
Sabato, 18 Maggio 2024

CRONACA NEWS

chiesa sandomenicoL'ultima in ordine di tempo è stata la Madonnina di Fatima trafugata dalla chiesa di San Domenico nella serata dell'11 febbraio. Il parroco don Massimiliano: «In una zona di Capocolonna si riuniscono gruppi assai sinistri».

Pubblicato in Cronaca

Il personale della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Crotone, in occasione della Internet Safer Day, incontrerà circa 400 studenti, degli istituti "Pertini-Santoni", "M.G.Gravina" e "M.G.Cutuli" di Crotone. L'edizione 2015, quest'anno si terrà il domani (10 febbraio). È organizzata in collaborazione dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, il ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca e il Garante per l'infanzia e l'adolescenza, ha organizzato workshop sul tema del cyberbullismo nelle scuole della provincia di Crotone. Lo slogan attraverso cui si è inteso promuovere l'evento è: "Creiamo insieme un internet migliore". «L'obiettivo delle attività di formazione – viene rimarcato in una nota - è insegnare ai ragazzi a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre rischi connessi all'adescamento, cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all'adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri. La formazione – prosegue il comunicato - sui temi della sicurezza e dell'uso responsabile della rete è un impegno quotidiano della Polizia di Stato e la collaborazione con il ministero dell'Istruzione, della Università e della Ricerca e l'Autorità garante per l'infanzia e 1' adolescenza è assolutamente determinante. Iniziative come la giornata mondiale dedicata alla sicurezza in Internet – ormai celebrata in oltre 100 Paesi – risultano di grande importanza perché aiutano a portare la sicurezza della rete all'attenzione di un grande numero di utenti, soprattutto adulti, che sono oggi nel nostro paese quelli meno consapevoli dell'importanza di educare i minori a un uso sicuro consapevole e responsabile della rete».

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

scarriglia albinoUn alterco tra due trentenni, nato forse per futili motivi, che è poi sfociato in un accoltellamento. Il tutto è avvenuto nel primo pomeriggio di ieri nei pressi di corso Messina. Nella stessa serata, per questo motivo, il personale della Squadra mobile e dell'Upgsp (Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico) ha posto in stato di fermo Albino Scarriglia (foto), crotonese, classe 1982. L'uomo, infatti, nel primo pomeriggio della stessa giornata, nel corso di una lite avrebbe colpito con un coltello A.S., classe 1983, brandendo a suo danno più fendenti.  Quest'ultimo, vista l'entità delle ferite, è stato poi ricoverato presso il nosocomio cittadino ed è stato operato al volto dove aveva riportato una ferita tra l'occhio e l'orecchio. È stato giudicato guaribile con una prognosi di 30 giorni. La lite sarebbe scoppiata subito dopo l'ora di pranzo, allertando i pochi passanti della zona presenti a quell'ora. I due, infatti, si sarebbero anche rincorsi andando a finire all'interno di un esercizio commerciale. Subito dopo sono intervenuti gli uomini della Polizia di Stato, riscontrando l'irreperibilità del presunto aggressore. L'uomo è stato poi rintracciato nella serata di ieri. Scarriglia è adesso accusato di tentato omicidio. Il fermato è stato posto a disposizione del pm di turno Riello ed associato alla Casa circondariale di Rossano (CS).

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

botte questoreIl questore di Crotone, Luigi Botte, ha tracciato stamane un bilancio delle attività della Polizia di Stato svolte nel corso dell'anno che sta per chiudersi.

Pubblicato in In primo piano

L'intensificazione dell'attività di contrasto voluta dal questore Luigi Botte e coadiuvata dagli uomini dal Reparto prevenzione crimine di Cosenza: 5 giorni di perquisizioni, posti di blocco, identificazioni e arresti.

Pubblicato in Attualita'

polizia-migrantiNon basta al Coisp la solerzia con cui il Dipartimento di Stato ha risposto in merito ai dubbi sollevati circa la profilassi adottata su agenti e operatori del campo profughi di Sant'Anna dopo la morte per meningite del 37enne interprete.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 118 di 118