fbpx
Martedì, 28 Maggio 2024

CRONACA NEWS

Sindaco Crotone annuncia querela dopo la puntata di "In Onda'' su La7: «Siamo indignati»

Posted On Lunedì, 10 Ottobre 2022 17:01 Scritto da Redazione

«Esprimo tutto il disappunto e l'indignazione per la gratuita ed offensiva frase espressa da un ospite nel corso della trasmissione “In Onda” su La7 lo scorso sabato». È quanto dichiara il sindaco Vincenzo di Crotone, Vincenzo Voce, in merito ai contenuti della puntata della trasmissione d'attualità giornalistica condotta da Concita De Gregorio e David Parenzo.

 

In particolare, il riferimento del primo cittadino riguardano le dichiarazioni rilasciate in chusura del talk televisivo dallo scrittore Emanuele Trevi (Premio Strega 2021). «È come se la 'ndrangheta gestisse un referendum a Crotone» ha detto Trevi per compiere un parallelismo su quanto accaduto in merito ai risultati dei referendum a favore dell'annessione a Mosca delle quattro regioni ucraine di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhzhia. «Questo è il livello di questi criminali», ha dichiarato Trevi riferendosi alle forze governate da Putin. «È una bella metafora», ha subito commentato Parenzo. «E quindi Crotone – ha quindi sdrammatizzato De Gregorio – poi è della 'ndrangheta».
Uno scambio veloce di battute, lanciate in chiusura di puntata che hanno provocato, prima, la reazione del consigliere di minoranza Enrico Pedace sui social e, poi, quella del sindaco che ha subito raccolto la richiesta di tutelare l'immagine della città.
«Indignazione - dice di aver provato Voce nell'ascoltare il frame della trasmissione - che non è solo personale ma di tutta la comunità di Crotone che si è sentita offesa da chi ha inteso strappare qualche consenso televisivo con un ingiurioso luogo comune. Dispiace ancor di più - rincara Voce - che conduttori di provata e lunga esperienza giornalistica non abbiamo ripreso l'ospite e sottolineato l'infelice uscita, anzi abbiano evidenziato la gratuita battuta. Istituzioni, Magistrati, Forze di Polizia, Associazioni - ricorda Voce - sono quotidianamente impegnate contro la criminalità organizzata. Migliaia di crotonesi ogni giorno portano avanti, nel segno della legalità, il quotidiano. Mettere la città all'indice, senza nessuna possibilità di replica, è semplicemente vergognoso. Ho sentito il caporedattore della trasmissione - informa il sindaco - al quale ho espresso tutta l'indignazione che non è solo personale ma di tutta la città. Naturalmente ho anticipato allo stesso che tuteleremo nelle sedi opportune l'immagine della città», conclude il sindaco.