fbpx
Domenica, 16 Giugno 2024

PRIMO PIANO NEWS

Sculco: «Mettere in sicurezza statale 106: da Delrio attendiamo ricognizione e cronoprogramma»

Posted On Martedì, 07 Aprile 2015 19:17 Scritto da

spighe statale«La strada statale 106 ionica e' ormai dappertutto un disastro con punte di pericolosita' estrema, come si evince dall'ennesimo incidente mortale della vigilia di Pasqua. Ma il numero impressionante di vite stroncate e' anche l'emblema di un disastro politico ai danni del Mezzogiorno, perche' l'abbandono di questa arteria fondamentale denuncia le inadempienze dei governi che si sono succeduti». Lo afferma il consigliere regionale di Calabria in Rete Flora Sculco. «Se ora - aggiunge Sculco - si vuole dare un taglio alla politica dei proclami, si cominci col produrre segnali di discontinuita' col passato. La pericolosita' e i rischi che si corrono sulla '106', costituiscono un'emergenza che crediamo sia ben presente al nuovo ministro Graziano Delrio, da cui ci si attende una rapida e puntuale ricognizione delle opere da realizzate ed un cronoprogramma, concordato con la regione, da cui risultino tempi e modalita' di rimozione delle criticita' piu' allarmanti. Se da un lato - spiega Flora Sculco - e' positivo che le linee guida della politica infrastrutturale del governo contemplino oltre alla Sa-Rc anche la '106', dall'altro la riduzione dei finanziamenti e l'indeterminatezza dei tempi destano forte preoccupazione. Il governo deve essere consapevole che la statale 106 ormai da tempo si e' trasformata in un serial- killer che provoca morti e feriti. Avere finalmente un'infrastruttura moderna non vuol dire soltanto piu' sviluppo, ma anzitutto la messa in sicurezza di un tracciato stradale che Aci-Istat considerano il piu' pericoloso d'Italia. E' urgente che si metta in piedi un'azione organica di interventi - conclude il consigliere regionale di Calabria in Rete Flora Sculco - che coinvolga tutti i soggetti interessati e che, utilizzando risorse comunitarie, statali e regionali, conduca a risultati concreti. Ma in tempi brevi!».