Sei qui: HomePRIMO PIANODiscarica di Scandale, il consiglio provinciale approvera' un documento contrario da sottoporre all'attenzione del Consiglio dei ministri

Discarica di Scandale, il consiglio provinciale approvera' un documento contrario da sottoporre all'attenzione del Consiglio dei ministri In evidenza

Scritto da  Pubblicato in In primo piano Sabato, 09 Febbraio 2019 11:57

palazzo provincia«Nessuna nuova discarica e nessun ampliamento di quelle già presenti nel territorio crotonese». Il presidente della Provincia di Crotone, in apertura dei lavori del Consiglio provinciale, chiamato ieri a discutere e deliberare sulla discarica in località Santa Marina nel territorio di Scandale, ha assicurato il suo no davanti a ogni ipotesi di un ulteriore sito di stoccaggio, così come davanti a ogni progetto di ampliamento di quelli già esistenti.
«Il territorio di Crotone ha già dato! E' il momento che la regione nel suo complesso si faccia carico del problema rifiuti». Il no di Ugo Pugliese è quello del presidente dell'Ente intermedio, ma anche quello del primo cittadino di Crotone. «Il presidente Pugliese – informa una nota – ha condiviso, apprezzato e supportato il sindaco di Scandale e consigliere provinciale Antonio Barberio che, durante i lavori del consiglio, ha analizzato l'iter amministrativo regionale che ha dato parere favorevole per ospitare la prossima discarica nel comune di Scandale.
I lavori del consiglio sono stati aggiornati al 13 febbraio per consentire ai consiglieri provinciali di prendere visione del documento redatto dal sindaco Barberio e per consentire, come ha sottolineato il presidente Pugliese, ai tecnici ed anche ai legali della Provincia di studiare il documento. Quello stesso documento sarà portato all'attenzione del Consiglio dei ministri.
«Si tratta di una battaglia che ci vede uniti – ha dichiarato Pugliese –, non lascio spazio a interpretazioni, né tanto meno a speculazioni da parte di chi sta giocando una partita contro Crotone! L'ho detto, lo dico e lo dirò ancora forte e chiaro: "No" alle discariche!».
«Ed è questa l'occasione giusta, per ricordare – prosegue il presidente dell'Ente intermedio – che l'attenzione è alta, e che con i fatti stiamo dando risposte alla legittima domanda dei cittadini che chiedono la tutela dell'ambiente e quindi della salute. Giovedì abbiamo effettuato il sopralluogo necessario per l'installazione di centraline per rilevare e monitorare non solo le polveri, ma anche gli odori nel territorio di Papanice. Abbiamo ottenuto i fondi necessari per completare in modo definitivo la messa in sicurezza della discarica Tufolo-Farina, e con buona pace degli scettici professionisti, si faranno anche gli interventi nelle discariche a mare».
Il Consiglio, dunque, tornerà a riunirsi mercoledì prossimo (13 febbraio) per deliberare sulla discarica di Santa Marina, è stato discusso ed è stato approvato all'unanimità il punto sull'emodinamica. Il Consiglio provinciale ha deciso di fare sua l'iniziativa promossa dal consigliere Renato Carcea di chiedere ufficialmente all'Asp di Crotone l'istituzione del reparto di emodinamica all'ospedale San Giovanni di Dio. La delibera approvata dal consiglio sarà discussa dalla conferenza dei sindaci e poi trasferita alla Regione Calabria.

 

 

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Segui le notizie del Crotone calcio su

Stadio Rosso Blu

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Michele Affidato, orafo Crotone

archivio storico crotone

 

pkr cultura 2b

    • La Provincia Kr di Antonio Carella |FONDATO NEL 1994
  • Uffici e Redazione  88900 CROTONE (KR)  Via San Francesco, 6 Pal.8 tel. 0962.1920909
  • Autorizzazione n. 70 del 12.8.94 - Tribunale di Crotone | PI 00961990793 | All Rights Reserved
    • "XXVI Edizione sul territorio crotonese"

  • DIRETTORE RESPONSABILE Antonio CARELLA : DIRETTORE EDITORIALE Giuliano CARELLA
  • SCRIVICI
  • email2
    • "La collaborazione è aperta a tutti ed a titolo assolutamente gratuito. Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La responsabilità civile e penale è da imputare esclusivamente agli autori; non necessariamente la redazione di questa testata è da considerarsi in linea con gli stessi".